Numero (linguistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il numero in linguistica è una categoria grammaticale che serve ad esprimere formalmente la quantità dei referenti.[1]

Forme[modifica | modifica wikitesto]

A seconda delle lingue esistono le seguenti forme: il singolare, il duale, il triale, il quartale, il paucale e il plurale. Per esempio l'arabo classico, l'ebraico, lo sloveno e il sorabo hanno una forma di duale sia per i verbi che per i sostantivi. Molte lingue non europee, come il cinese, non hanno nessun numero.

In tedesco o in italiano sono in uso il singolare e il plurale.

L'uso del numero corretto è fondamentale per le seguenti parti del discorso: sostantivo, aggettivo, verbo, articolo e pronome.

Eccezioni[modifica | modifica wikitesto]

Singularia e pluralia tantum[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono anche parole che possono occorrere solo al singolare o solo al plurale; queste sono dette rispettivamente singularia tantum e pluralia tantum.

  • latte (singularia tantum)
  • pane (singularia tantum)
  • nozze (pluralia tantum)
  • forbici (pluralia tantum)

Quenya[modifica | modifica wikitesto]

In quenya, lingua inventata, esiste anche il numero plurale generale.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Esempi per i diversi numeri nei sostantivi italiani:

  • scuola (singolare) - scuole (plurale)
  • tavolo (singolare) - tavoli (plurale)
  • uovo (singolare) - uova (plurale)
  • tacco (singolare) - tacchi (plurale)
  • artista (singolare) - artisti (plurale)
  • insegnante (singolare) - insegnanti (plurale)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda su treccani.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica