Pronome personale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

I pronomi personali sono quei pronomi che rappresentano, in funzione deittica, la persona che parla, la persona che ascolta oppure la persona, l'animale o la cosa di cui si parla, senza specificarne o ripeterne il nome.

I pronomi personali in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pronome personale in italiano.

I pronomi personali in italiano sono i seguenti:

  • io (singolare) e noi (plurale) indicano la persona che parla o il gruppo di persone al quale appartiene chi parla (prima persona);
  • tu (singolare) e voi (plurale) indicano la persona o le persone a cui ci si rivolge (seconda persona);
  • egli, ella, esso, essa, lui, lei (singolari) e essi, esse, loro (plurali) indicano la persona o le persone di cui si parla (terza persona).

I pronomi personali in italiano hanno forma diversa, secondo la persona, il numero, il genere e la funzione. Tale funzione può essere di soggetto o di oggetto. I pronomi di alcune persone variano di forma a seconda che l'oggetto sia diretto o indiretto. I pronomi personali usati come complemento hanno due forme:

  • forma forte o tonica, così chiamata perché prende l'accento tonico;
  • forma debole o atona, detta anche particella pronominale, non ha un accento proprio e nella pronuncia si appoggia al verbo che la segue o che la precede; si unisce al verbo che precede quando questo è all'infinito, all'imperativo o al gerundio. Enclitiche-proclitiche
persona funzione soggetto funzione complemento
forma tonica forma atona
1ª singolare io me mi
2ª singolare tu te ti
3ª singolare maschile lui, egli, esso[1] lui, sé (stesso) lo, gli, si
femminile lei, ella, essa[1] lei, sé (stessa) la, le, si
1ª plurale noi noi ci
2ª plurale voi voi vi
3ª plurale maschile loro, essi[1] loro, sé (stessi) li, ne, si
femminile loro, esse[1] loro, sé (stesse) le, ne, si

Caratteristiche in varie lingue[modifica | modifica wikitesto]

Non in tutte le lingue i pronomi seguono le stesse regole. In alcune lingue il pronome varia per genere e numero, in altre solo per genere, in altre solo per numero. Se la lingua presenta dei casi grammaticali, il pronome può essere adattato al caso. Inoltre, si possono avere comportamenti diversi dei pronomi per indicare azioni riflessive o verbi impersonali, o regole diverse sulla possibilità di omettere i pronomi.

Genere e numero[modifica | modifica wikitesto]

In generale nelle lingue indoeuropee compreso l'italiano, solo la terza persona varia per genere, mentre tutte fanno distinzione del numero. Un esempio di lingua che varia solo per numero è la lingua cinese[2], nella quale i pronomi personali non hanno il genere, e la formazione del plurale è molto più trasparente che in una lingua indoeuropea:

Singolare Plurale (singolare + 们 = men)
1ª persona 我 = (io) wo men (noi)
2ª persona 你 = (tu) ni men (voi)
3ª persona [3] (lui, lei, esso...) tā men (essi, esse)

Come si noterà facilmente, il pronome personale plurale viene formato aggiungendo la particella men al pronome singolare della stessa persona, seguendo una regola logica di formazione del plurale piuttosto che avere sei parole differenti per indicare i sei pronomi. Questo semplice ma flessibile meccanismo è usato anche per formare gli aggettivi possessivi, aggiungendo la posposizione de: se wo significa io, wo de significa mio (di me). In cinese, combinando solo cinque parole, si ottengono quindi i pronomi personali e i corrispettivi dei nostri aggettivi possessivi. Un meccanismo simile è usato in esperanto per ricavare dai pronomi personali gli aggettivi possessivi, con la differenza che in esperanto, invece di una posposizione si aggiunge la desinenza -a tipica dell'aggettivo (in questa lingua le quattro parti semantiche del discorso sono caratterizzate da una desinenza propria).

Come si vede dalla tabella sopra, non sempre i pronomi personali hanno un diretto corrispondente passando da una lingua all'altra (infatti il cinese non fa distinzione tra lui e lei, l'italiano non ha un pronome che equivale all'inglese it). In alcune lingue esiste il duale anche per i pronomi personali, ad esempio nell'antico inglese: (io), wit (noi due), (noi, per tre o più persone)[4]. Anche se l'italiano non ha il duale, esistono tuttavia parole come "entrambi" che significano "loro due", ovvero un plurale a due (duale, appunto). Altre lingue ancora hanno altri numeri, come il triale.

Forme di cortesia[modifica | modifica wikitesto]

Ai pronomi personali spesso viene dato il compito di fare una distinzione tra il livello di formalità del dialogo, come la forma tipica di lingue come il francese (ed in vari contesti anche in italiano) di riferirsi al plurale anche ad una sola persona come segno di rispetto (dare del voi), o riferirsi alla terza persona (dare del "lei"). Per l'italiano vedere i pronomi allocutivi di cortesia in italiano.

Ciò può apportare differenze col passare del tempo, ad esempio in inglese antico c'era una chiara distinzione tra singolare e plurale anche alla seconda persona come oggi in italiano. Per motivi storici - l'introduzione dell'usanza francese di usare la seconda persona plurale come segno di rispetto e dare del "voi" - il pronome thou (tu) lasciò il posto a ye (voi, nominativo) ed infine a you (voi, accusativo).

Il modello inglese è stato preso ad esempio per la lingua esperanto, che ha il pronome vi che equivale al you inglese, ed un pronome ci che viene usato solo con persone con le quali si ha una grande intimità (vedere anche il modello francese tu-vous).

Lingue come il giapponese o il coreano hanno invece dei pronomi apposta per indicare i livelli di cortesia, o in alcuni casi anche i ranghi sociali.

Pronomi pleonastici[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pleonasmo.

Quando un pronome è ridondante, e viene quindi ripetuto nonostante non ci sia un apparente bisogno, viene detto pleonastico. Nella lingua italiana questo può essere sbagliato o necessario a seconda dei casi. Ad esempio, si deve usare un tale pronome se si inizia la frase con il complemento oggetto:

  • Il gatto l'ho visto, il cavallo no.

Nella frase precedente il complemento oggetto è stato ripetuto due volte: una volta come nome (il gatto) ed una come pronome (lo). La frase precedente ha anche un senso diverso da:

  • Il gatto ho visto, non il cavallo. (frase con senso lievemente diverso e con un'influenza dialettale)
  • Il gatto ho visto, il cavallo no. (frase addirittura scorretta a meno di non voler dare una cadenza dialettale)

Molte lingue consentono dei verbi impersonali, ovvero verbi che possono essere usati senza soggetto. La lingua inglese, che non consente questo tipo di verbi, prevede l'uso di un pronome pleonastico (una sorta di pronome "fantoccio") per creare un soggetto fittizio al quale accordare il verbo (in inglese dummy pronoun o pleonastic pronoun). Tipico esempio sono i verbi atmosferici: la frase "It rains" usa il pronome it al posto di un soggetto inesistente (in italiano: "Piove"), oppure: It wasn't me (Non sono stato/a io; lett: Esso non è stato me).

Pronomi riflessivi[modifica | modifica wikitesto]

In italiano vi è una chiara differenza tra pronomi riflessivi e attivi solo alla terza persona (Si chiama - Lo chiama), mentre alla prima e seconda persona si usano normalmente i pronomi attivi con significato riflessivo (Ti chiami - Ti chiamo). Nelle lingue slave esiste una più netta distinzione del pronome personale riflessivo e gli altri. In particolare, il pronome riflessivo slavo ricade sempre sul soggetto, quindi la persona ed il numero si capiscono dal soggetto o dal verbo (che generalmente si accorda col soggetto). Ad esempio, nella lingua polacca[5]:

  • (Ja) nazywam się, (ty) nazywasz się (...), letteralmente: (Io) mi chiamo, (tu) ti chiami (...).

Il pronome riflessivo slavo può quindi essere tradotto in italiano, a secondo della persona o del numero, come: me stesso/a, te stesso/a, ... , loro stessi/e. Pur essendo invariato per genere e numero, non lo è per caso, quindi dalla forma base (sempre all'accusativo, poiché per chiari motivi questo pronome non ha nominativo) corrispondono delle altre forme modificate a seconda del caso. Ad esempio, sobie è la forma al dativo, significa a sé, a me stesso, a loro stessi (...) a seconda di chi è il soggetto della frase.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Le forme originarie egli, ella, esso, essa, essi ed esse a seguito di un lento e secolare processo di evoluzione linguistica sono state soppiantate dalle forme lui e loro e vengono ormai usate pressoché esclusivamente in ambiti circoscritti della lingua scritta.
  2. ^ Grammatica Cinese - un knol di Carlo Alberto Bentivoglio
  3. ^ I pronomi alla terza persona si pronunciano esattamente alla stessa maniera (), ma sono scritti diversamente a seconda se riguardano un uomo, una donna, un oggetto o una divinità. In particolare: 他 = egli, 她 = ella, 它 = esso
  4. ^ Grammatica dell'inglese antico, Cyril Babaev (in inglese)
  5. ^ http://parracomumangi.altervista.org/polski-zaimki_osobowe.pdf