Venerdì 13 (film 2009)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venerdì 13
Jason2009 gip.jpg
Jason sta per uccidere la sua decima vittima Bree
Titolo originale Friday the 13th
Lingua originale Inglese
Paese di produzione USA
Anno 2009
Durata 97 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere orrore
Regia Marcus Nispel
Soggetto Victor Miller
Sceneggiatura Damian Shannon, Mark Swift
Produttore Michael Bay, Andrew Form, Bradley Fuller
Produttore esecutivo Sean S. Cunningham, Cale Boyter, Toby Emmerich, Brian Witten
Casa di produzione Crystal Lake Entertainment, Paramount Pictures, New Line Cinema, Platinum Dunes, MTV Films
Fotografia Daniel Pearl
Effetti speciali Robert Brown, David J. Chamerski, Vicki V. Johnson
Musiche Steve Jablonsky
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Venerdì 13 (Friday the 13th) è un film horror del 2009 diretto da Marcus Nispel, reboot della saga di Venerdì 13 ideata da Sean S. Cunningham (qui produttore esecutivo). Si tratta di un remake del secondo e terzo capitolo della serie, con un prologo sui fatti del primo film. Il film è pertanto il 12° che vede Jason Voorhees protagonista dopo i 10 capitoli della serie originale e lo spin-off Freddy vs. Jason del 2003.

Con 42.2 milioni di dollari al primo weekend di programmazione, questo film è, di tutti quelli della saga, quello che ha fatto incassare di più nella prima settimana di uscita. Inoltre è il remake di maggior successo per gli incassi nella stessa forchetta di tempo, battendo il precedente primato di The Grudge. Uscito contemporaneamente in Italia e negli USA il giorno venerdì 13 febbraio 2009, giorno che, oltre ad essere il titolo della saga, nei paesi anglosassoni è da sempre considerato giorno funesto.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Cinque giovani: Whitney, Mike, Richie, Amanda e Wade sono in campeggio nei pressi di Crystal Lake, dove anni prima alcuni ragazzi erano stati uccisi da Pamela Voorhees, la madre di un bambino morto per annegamento. Jason, il ragazzino che era annegato a Crystal Lake, è tornato per vendicarsi e la prima vittima che miete è Wade, seguito da Amanda, Mike e Richie. Whitney riesce a scappare, ma viene inseguita dal killer. Alla ricerca della sorella, Whitney, scomparsa da sei settimane, Clay Miller (Jared Padalecki) si reca sui luoghi vicini al campeggio di Crystal Lake, dove lei si trovava quando se ne persero le tracce. Nella zona, anni prima, era annegato un ragazzo di nome Jason Voorhees, tuttavia il suo cadavere non fu mai ritrovato e si sa solamente che la madre (Pamela Voorhees), aveva ucciso tutti i ragazzi che in quel 1980 nel campeggio non fecero nulla per impedire l'annegamento del figlio, salvo essere alla fine uccisa a sua volta (per la precisione decapitata). Ma Jason non è affatto morto, e armato di machete, continua a seminare il terrore tra un gruppo di amici, incontrati da Clay durante le ricerche della sorella. Essi sono in sette: Jenna, Trent, Bree, Chelsea, Nolan, Chewie e Lawrence. Jason li ucciderà uno dopo l'altro, iniziando però da un ragazzo di nome Donnie. Mentre sono in gita in barca, Nolan e Chelsea sono il sesto e la settima ad essere mietuti da Jason con il suo machete, seguiti da Chewie. Poi Jason uccide Lawrence, che era andato alla ricerca di Chewie. Appesa ad un gancio, Bree viene uccisa dal killer, seguita da un poliziotto, trafitto da un ferro per mano di Jason. Ancora con il suo machete, Jason uccide Trent ed infine, la sua tredicesima vittima, Jenna. Clay e Whitney riescono a mettere il killer fuori gioco e ne gettano il cadavere nel lago del campeggio di Crystal Lake. Ma il film termina con Jason che resuscita e aggredisce i due sopravvissuti, Clay e sua sorella. Forse è un sogno o forse Jason Voorhees non è ancora morto.

Vittime[modifica | modifica sorgente]

  1. Wade : taglio alla gola e orecchio tagliato
  2. Amanda : bruciata viva nel sacco a pelo
  3. Mike : trascinato giù nel pavimento
  4. Richie : colpo in fronte col machete
  5. Donnie : sgozzato col machete
  6. Nolan : freccia in fronte
  7. Chelsea : colpo di machete in testa
  8. Chewie : cacciaviti in gola
  9. Lawrence : colpito alla schiena con un'accetta e finito con la stessa arma
  10. Bree : appesa ad un gancio del bagno
  11. Officer Bracke : colpito da un poker da camino nell'occhio
  12. Trent : infilzato con il machete
  13. Jenna : trapassata nel petto dal machete

Clay e Whitney non è chiaro se sopravvivono.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo il successo riscosso da Non aprite quella porta di Marcus Nispel, la New Line Cinema ha contattato Michael Bay, Brad Fuller e Andrew Form della Platinum Dunes per studiare un reboot della saga Venerdì 13. Il trio della Dunes ha quindi avviato le trattative per il passaggio dei diritti cinematografici della saga di comproprietà di Paramount Pictures e Crystal Lake Entertainment a New Line, e sono riusciti nell'intento dopo un anno dall'inizio dei negoziati.[1]

Il film ha avuto notevoli difficoltà a entrare in produzione poiché per alcuni diritti d'autore ancora detenuti dalla Paramount, New Line e Platinum Dunes non potevano mettere mano sul materiale. Assicurando quindi una partecipazione di alcuni delegati Paramount come produttori, sono stati avviati i preparativi della produzione potendo ora utilizzare titolo originale ed elementi di ogni film della serie.

Alla regia si è iniziato pensato di coinvolgere Jonathan Liebesman, entrato in trattative per il posto durante febbraio 2006,[2] ma dopo alcune divergenze avute con i produttori Fuller e Form è stato contattato Marcus Nispel, confermato anche grazie alla sua precedenza con la Platinum Dunes per il riavvio della saga Non aprite quella porta.[1]

Sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

Durante ottobre 2007 sono stati confermati alla sceneggiatura Damian Shannon e Mark Swift, già autori de Freddy vs. Jason (2003) e quindi già argomentati su Venerdì 13.[3]

Dopo l'abbandono della storia su Jarvis e le origini di Voorhees, si è pensato di inserire una "mitologia" a sé, riconoscendo che dei primi quattro film non v'era alcuna caratteristica importante da riproporre ma solo alcune caratteristiche riguardo alle modalità d'uccisione dei protagonisti e di Jason.

Partendo da alcune regole prefissate dal duo, si decise di non dilungarsi troppo sulla gioventù di Jason concentrandosi invece sulla sua aura di mistero. Nelle prime bozze di copione erano previste scene estremamente crude per rendere il film più realistico possibile, ma per ottemperare a un bilancio massimo stanziato dalla Platinum Dunes, l'intero copione ultimato ha dovuto essere rivisto completamente, tagliando numerose sequenze d'azione e violenza che avrebbero inciso pesantemente sul costo finale, tra cui:

  • Una scena dove Jason camminava nella foresta calpestando vere carcasse di corvi morti, ma dopo essere stati notiziati da Fuller che ogni cadavere sarebbe costato 100.000$, la sequenza fu tagliata.[4]
  • Una scena ove Jason squarta una ragazza e la getta in Crystal Lake lasciandola galleggiare per alcune ore, sino a quando una barca non accorgendosi del cadavere per colpa del buio pesto lo stritola nel motore colorando la zona circostante di rosso sangue. Proprio questa scena, fortemente voluta da Shannon e Swift è stata rivista più volte in modo da renderla più celere e conforme al girato, ma cancellata senza ulteriori discussioni.[4]

Tra i maggiori problemi riscontrati nello scrivere la sceneggiatura, vi sono state le modalità di uccisione. Cercando di non ripetere fino alla noia stesse morti usate nei precedenti capitoli, il duo ha studiato ogni angolazione e terreno da usare al fine.[4]

Cast[modifica | modifica sorgente]

Il 21 marzo 2008, l'attore Jared Padalecki è stato assunto per interpretare l'investigatore che indagherà sugli omicidi di Crystal Lake.[5] A fine mese, Derek Mears è stato scelto per il ruolo di Jason Voorhees.[6]

Il 2 aprile è stata resa ufficiale la scrittura dell'attrice Amanda Righetti.[7] Il casting è proseguito poi il 16 aprile 2008, con gli ingaggi di Danielle Panabaker, Jonathan Sadowski, Travis Van Winkle, Aaron Yoo, Nana Visitor e Caleb Guss.[8][9][10]

Del cast avrebbe dovuto far parte anche l'attrice/modella Moran Atias, che ha però abbandonato il set dopo pochi giorni di riprese per divergenze con il regista Marcus Nispel ed è stata sostituita da America Olivo.[11] All'attrice Willa Ford si diedero dieci giorni per imparare da zero come fare sci nautico.

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Le principali ambientazioni sono state filmate ad Austin, Texas (USA) dal 21 aprile al 13 giugno 2008.[12] Il film ha preso elementi dai primi tre film della saga, e con questo si spiega l'apparizione di Jason e altre discordanze con il primo Venerdì 13.[13]

Collegamenti a film della saga[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Friday the 13th Part 2 era il titolo di lavorazione di un seguito in sviluppo. In seguito al successo avuto dal film, i produttori Brad Fuller e Andrew Form iniziarono a delineare le prime idee per un seguito qualche tempo dopo l'uscita di Venerdì 13 nelle sale cinematografiche.[14] Il duo Shannon-Swift fu riconfermato per scrivere la sceneggiatura, al termine della quale potrebbe essere vagliata l'ipotesi di girare il film in tridimensionale, e la Warner Bros. nel frattempo premette per accelerare i tempi di realizzazione fissando il 13 agosto 2010 come data d'uscita provvisoria.[15][16][17][18]

In seguito, il 10 dicembre 2009 la Warner Bros. emise un comunicato annunciando l'allungamento dei tempi previsti necessari, per il quale la data d'uscita fu cancellata e il film inserito in una lista di progetti TBD (Uscita da determinare).[19]

Nell'aprile 2010, il produttore Brad Fuller parlò dello stato del progetto dicendo che «[il film] è morto, non si farà», spiegando come nessuno alla New Line sembrò interessarsi molto del film nonostante l'idea iniziale di concepirlo per l'estate 2010.[20] In seguito lo stesso Fuller chiarì meglio il significato delle sue dichiarazioni, spiegando come arrivati a una fase avanzata della preproduzione, nella quale il set di Crystal Lake fu anche riaperto, sia la Paramount che la New Line concordarono sul fatto di lavorare alternatamente a nuovi remake, tra cui quello di Nightmare, abbandonando perciò il lavoro fatto sul seguito di Venerdì 13 per capire l'effettiva necessità della sua realizzazione.[21]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Ryan Rotten, On the Set of Friday the 13th, Shock Till You Drop, 30 ottobre 2008.
  2. ^ Jonathan Liebesman Directing Friday the 13th Remake, Movie Web, 22 febbraio 2006.
  3. ^ Borys Kit, Duo pumps new blood into 'Friday the 13th', The Hollywood Reporter, 2 ottobre 2007.
  4. ^ a b c Ryan Rotten, Interview: The Writers of Friday the 13th, Shock Till You Drop, 3 febbraio 2009.
  5. ^ Padalecki firma per Venerdì 13, Entertainment Weekly, 21-03-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  6. ^ Jay Frasco, Il casting del nuovo Friday the 13th è quasi finito, IF Magazine, 31-03-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  7. ^ Bryon Perry, Amanda Righetti!, Variety Magazine, 02-04-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  8. ^ Le star di Friday the 13th, Zap2it, 16-04-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  9. ^ Nana Visitor sarà Miss Voorhess, Screen Geeks, 22-04-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  10. ^ Il giovane cast di Friday the 13th, Worst Previews, 15-05-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  11. ^ Venerdì 13 un film porno? Moran Atias fugge dal set, La tela nera, 27-06-2008. URL consultato il 10 novembre 2009.
  12. ^ Brad Fuller, Questo Venerdì 13 sarà epico!, Bloody-Disgusting, 06-06-2008. URL consultato il 27 giugno 2008.
  13. ^ Devin Faraci, EXCLUSIVE: PAGING TOMMY JARVIS?, CHUD, 8 gennaio 2007.
  14. ^ Friday the 13th Part 2 Talk Begins!, Shocktillyoudrop, 26 gennaio 2009.
  15. ^ Annunciato il sequel di Venerdì 13, Bad Taste, 1 marzo 2009. URL consultato il 1 marzo 2009.
  16. ^ Tessa Petrocco, Friday the 13th Part II Remake Coming Soon, Shockya. URL consultato il 1 marzo 2009.
  17. ^ (EN) Friday the 13th Part 2 Date Official, Shock Till You Drop, 1 ottobre 2009. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  18. ^ Il sequel di Venerdì 13 in 3-D?, Bad Taste, 4 ottobre 2009. URL consultato il 4 ottobre 2009.
  19. ^ Box Office Updates: 'Friday the 13th 2' Vanishes, 'Saw VII' Locked Down, Bloody-Disgusting, 10 dicembre 2009.
  20. ^ Il sequel di Venerdì 13 è morto, BadTaste, 22 aprile 2010. URL consultato il 23 aprile 2010.
  21. ^ Ci sono speranze per il sequel di Venerdì 13, BadTaste, 27 aprile 2010. URL consultato il 27 aprile 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema