Venerdì 13 parte VI - Jason vive

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venerdì 13 parte VI - Jason vive
Venerdì 13 - Jason vive.jpg
Una scena del film, con Jason Voorhees e lo sceriffo Garris
Titolo originale Friday the 13th Part VI: Jason Lives
Paese di produzione USA
Anno 1986
Durata 87 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere orrore
Regia Tom McLoughlin
Soggetto Tom McLoughlin, Victor Miller
Sceneggiatura Tom McLoughlin
Fotografia Jon Kranhouse
Montaggio Bruce Green
Effetti speciali Martin Becker
Musiche Harry Manfredini
Scenografia Joseph T. Garrity
Costumi Jerie Kelter
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Venerdì 13 parte VI - Jason vive (Friday the 13th Part VI: Jason Lives) è il sesto capitolo della saga horror Venerdì 13. In questo film, della regia di Tom McLoughlin, Jason subisce la sua prima resurrezione, facendo nuove e numerose vittime nei pressi di Crystal Lake.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tommy Jarvis fugge dall'ospedale psichiatrico dove era in cura e, assieme all'amico Alan, si dirige al cimitero di Crystal Lake per distruggere il corpo di Jason in caso lo avesse ritrovato integro. Arrivati al cimitero Tommy e Alan iniziano a dissotterrare la bara nonostante, l'amico Alan non sia molto convinto di questo gesto. Quando Tommy apre la bara, trova all'interno il corpo di Jason ancora integro e Tommy vuole assicurarsi che Jason non torni mai più in vita distruggendone il corpo. Preso dalla rabbia, stacca una sbarra di ferro della recinzione del cimitero e comincia ad infilzare il corpo di Jason, nel frattempo inizia anche a piovere. L'idea è quella di dare fuoco alla salma: Tommy getta all'interno della bara la maschera di Jason e poi si allontana per iniziare a dare fuoco al corpo. All'improvviso però parte un fulmine che colpisce l'asta di metallo conficcata nel corpo di Jason e l'energia scaturita dal fulmine lo risveglia e apre immediatamente gli occhi. Jason esce dalla bara sotto gli occhi increduli e spaventati dei due ragazzi. Jarvis cerca di dargli fuoco utilizzando dei fiammiferi ma la forte pioggia rende vano il suo tentativo, con Jason davanti a lui che lo guarda fisso restando immobile. Alan accorre in aiuto dell'amico e colpisce da dietro Jason con una pala, inutilmente. Jason lo ucciderà dimostrando la sua nuova e terribile forza sovrumana. Mentre negli episodi precedenti Jason era comunque un uomo, anche se dotato di grande forza e resistenza al dolore, in questo episodio Jason diventa uno zombie dotato di forza sovrumana ed è immortale: senza saperlo, Tommy non solo ha riportato in vita Jason ma si ritrova ad aver a che fare col più forte e più pericoloso Jason mai incontrato prima. A Tommy non resta che scappare e andare dritto dallo sceriffo di Crystal Lake, che ora viene chiamata Forest Green proprio per far dimenticare a tutti Jason e gli omicidi compiuti dal mostro in passato. Lo sceriffo non crede ad una parola e Tommy viene messo in cella in quanto lo considerato uno squilibrato. Jason inizia a vagare per Crystal Lake con indosso la sua maschera e inizia a mietere vittime. I primi ad essere uccisi sono due animatori che si stavano recando al campeggio di Crystal Lake ma sfortunatamente si perdono di notte con la macchina nel bosco; L'assassino di Cristal Lake li uccide brutalmente. Nel frattempo, al campeggio Crystal arriva una comitiva di bambini per passare il Week End nel campeggio mentre dallo sceriffo arrivano gli altri animatori, fra cui anche la figlia dello sceriffo, Megan, che verrà subito colpita da Tommy e deciderà in seguito di aiutarlo. Nel frattempo Jason continua la sua carneficina, e uccide dei giocatori di Paintball impegnati nel gioco. Tommy cerca di convincere lo sceriffo ad andare al cimitero a vedere che la salma di Jason non è più nella sua bara, ma lo sceriffo continua a non dar retta a Tommy e decide di scarcerare il ragazzo e accompagnarlo fuori da Crystal Lake. Tommy però non desiste e si dirige verso il cimitero di Cristal Lake facendosi così inseguire dallo sceriffo e dal suo aiutante e riuscendo nel suo intento di portare lo sceriffo davanti alla tomba di Jason che incredibilmente è chiusa e perfetta: il custode l'ha ricoperta pur di non avere responsabilità negando di aver trovato la bara dissotterata. Tommy viene definitivamente allontanato da Crystal Lake. Jarvis non si dà per vinto e, chiamando al telefono lo sceriffo, troverà sua figlia Megan a rispondere: sarà lei che deciderà di aiutarlo andandolo a prendere, ma suo padre catturerà nuovamente Jarvis e lo riporterà in cella. Jason colpisce ancora e uccide il custode del cimitero e una coppia in intimità appartati nel bosco. Altri due sorveglianti appartati nel bosco all'interno del loro Camper verranno brutalmente ammazzati dal Killer. Megan riesce a liberare Tommy e insieme si dirigono al campeggio di Crystal Lake per cercare di salvare tutte le persone ignare della presenza del mostro. Nel frattempo lo sceriffo viene informato dei molti omicidi avvenuti in zona ma si rende conto, grazie a Megan, che non ne è Tommy l'artefice, avendo l'alibi di essere stato sempre con la figlia; lo sceriffo allora si rende conto che l'assassino è veramente Jason e assieme ai suoi uomini inizia a dargli la caccia. Jason ucciderà lo sceriffo e i suoi due uomini. Megan troverà poi parti del corpo degli altri suoi amici sorveglianti, posizionati da Jason qua e là, e cercherà di proteggere i bambini rimasti incustoditi dalla furia del mostro. Nel frattempo Tommy ha un piano per fermare Jason: farlo annegare nel lago Crystal, il posto dove è annegato la prima volta, essendo quello il punto debole di Jason. Con una barchetta di legno Tommy si porta al centro del lago munito di un masso, una catena e una tanica di benzina per creare un cerchio di fuoco attorno alla barca, e nel frattempo farà di tutto per attirare Jason, pronto a uccidere Megan e i bambini. Jason inizierà a dirigersi verso Tommy, che per fermarlo ha legato un'estremità della catena al masso mentre con l'altra ne ha fatto un cappio che metterà al collo di Jason. Jason attaccherà Tommy, e dopo il primo tentativo fallito riuscirà a mettere il cappio al collo del mostro, ma la barchetta verrà spezzata da Jason e anche Tommy verrà trascinato sott'acqua e strangolato dal Killer. Megan capisce che qualcosa non va e decide di andare a salvare Tommy gettandosi nel lago, tuttavia anche lei verrà afferrata per una gamba dal mostro in fondo al lago, ma riuscirà ad attaccarsi a ciò che rimaneva della barca, fra cui il motore. Grazie all' elica, dopo averlo azionato, il motore riuscirà a ferire Jason, danneggiandolo e costringendolo a mollare la presa mentre lei riporta a terra Tommy. Il mostro è stato sconfitto e Megan riuscirà mediante la respirazione bocca a bocca a far rinvenire Tommy. Il film si chiude con un primo piano su Jason che viene inquadrato mentre apre gli occhi. Il killer è ancora vivo e pronto a tornare.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nello script originale il sogno di Tommy era differente, e lo rendeva molto più sospetto di quanto già non lo fosse. Il sogno si apriva con un senso di continuità maggiore rispetto al IV capitolo della saga poiché Tommy veniva portato all'ospedale, lo stesso in cui era stato portato il cadavere di Jason. Quindi Tommy andava giù di testa e faceva fuori metà dello staff dell'ospedale nel tentativo di raggiungere l'obitorio. Trovato il corpo, Jason si alzava dal tavolo autoptico. A questo punto Tommy si svegliava sul van che lo stava portando alla residenza Pinehurts.

Jason vive è l'unico film della serie senza scene di nudo ed infatti qui in Italia è stato classificato come "film per tutti". In questo film, come per il successivo, Jason è cieco dall'occhio sinistro, mentre nel 2° e nel 3° film veniva mostrato come fosse cieco da quello destro. In omaggio alla resurrezione di Jason, visibilmente ispirata a Frankenstein, la pompa di benzina da cui Tommy telefona allo sceriffo è stata chiamata "Karloff". L'attore Dick Wieand è accreditato come quello che ha impersonato Jason, ma in effetti sotto la maschera da hockey c'era lo stuntman Tom Morga. Il bodycount è di 18 persone. Il più alto fino ad ora nella saga.

In GTA: San Andreas con un mod è possibile andare in un cimitero e vestire i panni di Jason in una modalità detta Jason vive, il titolo del film.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

He's Back (The Man Behind the Mask) ebbe anche un video musicale, combinando immagini del film con nuove immagini con Alice Cooper. Il video non è presente in nessun rilascio home video del film, ma lo si può vedere su YouTube[1][2].

Una colonna sonora ufficiale non è mai stata venduta. In aggiunta dello score originale, la colonna sonora comprende:

Tracce
  1. He's Back (The Man Behind the Mask) - Alice Cooper
  2. I'm No Normal - Felony
  3. Teenage Frankenstein - Alice Cooper
  4. Hard Rock Summer - Alice Cooper

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

I critici recensirono il film meno negativamente rispetto agli altri capitoli. Il grosso delle opinioni, specialmente tra i fan della serie, lo considerò uno dei migliori del franchise[3][4][5]. Ciò fu dovuto in gran parte all'uso dell'umorismo[6][7][8], sebbene alcuni spettatori furono spiazzati da questo approccio[9].

Le critiche negative rivolte al film includono un generale non gradimento del genere slasher, e la non plausibilità della resurrezione di Jason,anche perché nel film precedente si era scoperto che il suo corpo era stato cremato[10]. Comunque il film guadagnò qualche recensione positiva, e ricevette un punteggio del 54% su Rotten Tomatoes.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ X-Entertainment's Halloween Season: 2004
  2. ^ allmusic ((( Constrictor > Overview )))
  3. ^ DVD Verdict Review - Friday The 13th Part VI: Jason Lives
  4. ^ online casino bingo auto insurance at culturedose.net
  5. ^ Evil Dread - Friday the 13th Part 6 Jason Lives 1986 movie review
  6. ^ Shade.ca // Horror Movie Reviews by Shade.ca
  7. ^ notcoming.com | Friday the 13th Part VI: Jason Lives
  8. ^ Friday the 13th Part VI: Jason Lives
  9. ^ I Viddied It on the Screen-Friday the 13th Part VI: Jason Lives
  10. ^ Jason Lives: Friday the 13th Part VI- Moria The Science Fiction, Fantasy & Horror Review

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema