Tieste

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Tieste (disambigua).
Tieste e Atreo, dipinto di Giovanni Francesco Bezzi

Tieste è un personaggio della mitologia greca figlio di Pelope e di Ippodamia e fratello gemello di Atreo. Poiché un oracolo gli aveva predetto che dall'unione incestuosa con la figlia Pelopia sarebbe nato il vendicatore di Atreo, Tieste, cercando di non farsi riconoscere, violenta la figlia. Il figlio che nasce si chiama Egisto. La vita di Tieste è contrassegnata dai rapporti di ostilità con Atreo. Insidia la moglie di Atreo e questi si vendica uccidendo i figli di Tieste e offrendone le carni in pasto al padre. La causa di tanta ostilità fu la maledizione che pendeva sul capo del loro padre Pelope che troverà il suo epilogo nella uccisione di Agamennone, figlio di Atreo, da parte di Egisto e nell'assassinio di quest'ultimo da parte di Oreste figlio di Agamennone.

Teatro[modifica | modifica sorgente]

La vicenda dei Pelopidi Atreo e Tieste è oggetto di diverse opere tragiche, la maggior parte delle quali è andata perduta (ne restano frammenti o scarse notizie). Nell'Agamennone di Eschilo si parla della storia dei fratelli Pelopidi, ma l'unica tragedia pervenutaci interamente dedicata a questo mito è il Thyestes di Seneca. In epoca moderna il Tieste di Ugo Foscolo, rappresentato a Venezia nel gennaio del 1797, ottenne un grande successo.