South East Europe Media Organisation

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il South East Europe Media Organisation (SEEMO) è il organizzazione per l'Europa sudorientale. Ne è segretario generale Oliver Vujovic, ex corrispondente nei Balcani per il quotidiano Die Presse di Vienna.

SEEMO fu fondata nell'ottobre 2000 a Zagabria (Croazia) e ha la sua sede a Vienna.

Magazine[modifica | modifica sorgente]

SEEMO è produce una rivista a cadenza trimestrale dal mese di ottobre 2004, il magazine deScripto in lingua inglese. La rivista si pone l'obiettivo di una riflessione critica sui mass media nel Sud-Est Europa.

Gli studenti dell'Università Webster Vienna, il programma del college in giornalismo FHWien, e l'Istituto di Giornalismo dell'Università di Vienna rappresentano gli editori. Editor in Chief sono il Prof. Dr. Thomas A. Bauer.

Award di SEEMO[modifica | modifica sorgente]

Award SEEMO per una migliore comprensione[modifica | modifica sorgente]

Il premio annuale "Dr Erhard Busek SEEMO Award for Better Understanding" viene assegnato a giornalisti dell'Europa sudorientale che si sono impegnati per favorire la migliore comprensione tra i popoli e combattere divisioni etniche, razzismo e xenofobia.

Hanno ricevuto questo premio:

  • 2002: Denis Latin, editore, Hrvatska Radiotelevizija, Zagabria
  • 2003: Kemal Kurspahic, ex direttore del Giornale Oslobodjenje a Sarajevo
  • 2005: Brankica Petkovic, Direttore dell'Istituto di Pace Lubiana
  • 2006: Danko Plevnik, giornalista del quotidiano Slobodna Dalmacija da Spalato
  • 2007: Milena Dimitrova, giornalista investigativo Giornale Dnewen Trud a Sofia
  • 2008: Stankovic Brankica, B92, a Belgrado :
  • 2009 Bergant Boris, Vice Presidente di Unione europea di radiodiffusione (EBU) ed ex vice direttore dell' RTV Slovenija
  • 2010 Omer Karabeg, direttore del slavi del Sud e Albanese Service, Radio Free Europe, Praga

Premio SEEMO per i Diritti Umani[modifica | modifica sorgente]

  • 2002: Christine von Kohl, Austria
  • 2002: Nebojsa Popov, Serbia
  • 2005: Fatos Lubonja, Albania
  • 2006: Dede Abduhalim, Grecia
  • 2007: Radnocic Seki, Montenegro - Bosnia-Erzegovina
  • 2008: Hribar Spomenka, Slovenia (Lubiana) - Fonte agenzia di stampa STA Slovenia
  • 2009: Pavol Demes, la Slovacchia
  • 2010: Christo Komarnitski, vignettista bulgaro, Sofia

CEI SEEMO Award per il giornalismo investigativo[modifica | modifica sorgente]

2008: Drago Hedl, Croazia
2009: Likmeta Besar, Albania, Diploma Speciale: Esad Hecimovic, Bosnia Erzegovina e Candea Stefan, Romania
2010: Mogos Adrian, Romania, Diploma Speciale: Iryna Khalip, Bielorussia e Pavlova Lydia, Bulgaria

SEEMO Human Rights Photo Award[modifica | modifica sorgente]

  • 2008: Maja Zlatevska, Macedonia e Premio Speciale per Marko Djurica, Serbia
  • 2009: Nebojsa Raus Radosavljevic, Serbia
  • 2010: Mahir Vranac, Bosnia-Erzegovina

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]