Radiodue 3131

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg

Radiodue 3131 è stata una delle più longeve trasmissioni radiofoniche della Radio italiana. Trasmesso per anni su Radio2, il programma, erede della storica trasmissione Chiamate Roma 3131 (1969-1974), ha cambiato più volte titolo e formula, continuando fino al 2006.

Storia della trasmissione[modifica | modifica sorgente]

La trasmissione Chiamate Roma 3131, varata il 7 gennaio del 1969 per volontà di Luciano Rispoli che la ideò, per 7 anni fu la prima delle trasmissioni manifesto della Radio; i primi a condurre la trasmissione furono Franco Moccagatta, Gianni Boncompagni e Federica Taddei, che passarono poi i microfoni a Paolo Cavallina, Luca Liguori, Velio Baldassarre. La fondatrice della trasmissione fu Lidia Motta, che la curò per 25 anni, fin quando andò in pensione nel 1994.

Dall'ottobre del 1976, dopo la riforma della Rai, andò in onda Sala F, una trasmissione mattutina rivolta esclusivamente a un pubblico femminile. In comune con Chiamate Roma 3131 aveva ben poco, a parte il numero di telefono.

Nel 1979, cambiava il titolo in Radiodue 3131, diventando la trasmissione più longeva[senza fonte], trasmessa in molte zone dell'Italia, e fu condotta per anni da Corrado Guerzoni fino al 1990 - che farà poi l'alternanza dall'edizione 1987 con Gianluca Nicoletti - mentre Paolo Restuccia era il regista della trasmissione. Quest'ultimo divenne conduttore dall'edizione 1990 - 1991 fino alla stagione 1992 - 1993, accanto a Nicoletti.

Nel 1983 nasce Radiodue 3131 Notte, curata da Clemen Castellano, e fu l'edizione notturna della trasmissione, condotto inizialmente dal giornalista e ideatore Ivano Balduini, poi da Leo Antinozzi (in seguito fù diventato il regista della trasmissione) e poi Maurizio Ciampa e Marco Guzzi, con il titolo di: 3131 - Le ore della notte, e fu suddiviso in due parti: la prima parte dalle 21:30 fino alle 22:19 con l' argomento e il tema della puntata, la seconda parte dalle 22:45 fino alle 23:23 con la discussione in diretta con i radioascoltatori, la data di chiusura era di venerdì 2 luglio 1993. Durante quell'estate, gli autori del programma, in un'assemblea insieme ai conduttori e ai registi, decisero di cambiare il titolo della trasmissione, e fu così che lunedì 4 ottobre 1993, partiva il nuovo ciclo del programma con la denominazione 3131; a condurlo furono Maurizio Ciampa e il poeta Marco Guzzi, che per la prima volta venivano promossi nella fascia oraria mattutina dopo anni di edizione notturna. Dal 24 al 28 gennaio, per una settimana il 3131 dedicò la puntata al suo 25º compleanno, ospitando alcuni volti noti della Radio e della Tv. Per ordine di puntata sono stati ospitati: Corrado Guerzoni (conduttore storico di Radiodue 3131), nella puntata di lunedì, condotto da Maurizio Ciampa; Aldo Grasso (nuovo direttore delle 3 testate radiofoniche della Rai), nella puntata di martedì, condotto da Marco Guzzi; Claudio Dematté (nuovo presidente della Rai), Enrico Mentana e Michele Santoro (in collegamento telefonico), nella puntata di Mercoledì, condotta dallo stesso Ciampa; Furio Colombo (inviato di molti telegiornali dall' Estero), Michele Lubrano e Paolo Murialdi (in collegamento telefonico), nella puntata di giovedì, condotto dallo stesso Guzzi e infine Livio Barnabò, nella puntata di venerdì, condotta anche questa da Ciampa. La prima serie si chiuse venerdì 1º luglio 1994, il tema dell'ultima puntata era "I saluti"; fu Maurizio Ciampa a chiudere il primo ciclo del 3131, ma nel periodo di Pasqua, per la prima volta la trasmissione andava in onda di domenica, in data 3 aprile 1994, che prese il titolo di Speciale 3131, con il tema della puntata che era dedicata alla Pasqua e alle cucine pasquali, a condurre questo numero speciale fu Maurizio Ciampa. La seconda serie esordì lunedì 3 ottobre 1994 e si chiuse venerdì 30 giugno 1995, col congedo di Ciampa e Guzzi, che in passato conducevano anche il precedente 3131 Notte.

La data più importante fu quella del 6 marzo 1995, quando fu mandata in onda alle ore 20 una puntata speciale del 3131 con l'argomento che riguardava la "Poesia in Parlamento"; a condurla fu proprio Marco Guzzi, che in una puntata successiva ospitò anche Irene Pivetti. L'ultima puntata del 30 giugno 1995 ebbe come argomento "SI'- NO", e fu proprio Ciampa a salutare e congedare gli ascoltatori. Eccezionalmente in quell'anno furono realizzati degli speciali estivi, tutti dedicati alla situazione politica in Bosnia; vennero condotti da Sergio Valzania. Il 25 settembre 1995 fu cambiato il titolo della trasmissione, dal precedente RadioZorro, trasmessa in passato su Radio1 il programma diventò RadioZorro 3131 e fu affidato a Oliviero Beha. L'anno successivo 1996 - 1997, ritornò lo storico Chiamate Roma 3131, e per due anni si ebbero esclusiavamente donne alla conduzione, da Donatella Raffai a Enrica Bonaccorti; quest'ultima per un breve periodo fu sostituita da Angela Buttiglione.

Dal 1998 fu Barbara Palombelli a cambiare il titolo della trasmissione, con il nome di Se telefonando, ma dal 1999 si ebbe una nuova denominazione con 3131 Fatti e sentimenti, la cui conduzione fu affidata a Roberta Tatafiore. Nel 2000 la trasmissione fu rinominata 3131 Chat e a condurla fu Carola Silvestrelli. L'anno dopo arrivò Pierluigi Diaco, che fece ritornare dopo 8 anni di assenza lo storico 3131, la sua conduzione però si concluse nel 2006. Durante l' estate del 2005 e 2006 c'è stata anche un'edizione estiva del 3131, che fu intitolato: 3131 Estate, condotto da Gianluca Favetto, ovvero colui che fu ai microfoni dell'ultima puntata della trasmissione radiofonica. Dopo l'addio di Lidia Motta, la curatrice del 3131 è stata Rita Manfredi; tra le tante redattrici che si sono succedute negli anni si ricordano Mimma Micocci, Susanna Tartaro, Federica Velonà, Lisa Di Feliciantonio, Francesca Vitale, Valeria Lugaro, Silvia Longo, Gabriella Mangia, Magda Monti, Valeria Salvatores. Il più longevo dei programmisti fu Stefano Coletta, autore anche di molte trasmissioni televisive.

Il programma si occupava dei vari argomenti o dei vari temi che riguardano gli avvenimenti in Italia e all'estero. Per ogni puntata doveva intervenire un ascoltatore o una ascoltatrice, che rispondevano ai vari temi della trasmissione. Gli ascoltatori potevano intervenire, chiamando il numero telefonico o il numero di Fax 06 - 3131.

Il programma andava in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì, alle ore 10:30, ma per ulteriori variazioni, la trasmissione di volta in volta cambiava l'orario, esattamente di 3 quarti d'ora, alle ore 10:45, ed era suddivisa in due parti: la prima parte dalle 10:30 (oppure 10:45), alle 11:26 circa, per fare la concorrenza con il GR2, per l'edizione Flash, la seconda parte invece, dalle 11:37 circa, fino alle 12:05.

Conduttori della trasmissione[modifica | modifica sorgente]

L'estate del 3131[modifica | modifica sorgente]

Registi della trasmissione[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Raffaele Vincenti, La prima volta del telefono - La storia del 3131 dal 1969 al 1995. Edizioni RAI Teche. Il libro contiene all'interno anche il DVD.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]