Plectrophenax nivalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Zigolo delle nevi
Plectrophenax nivalis 2.jpg
Plectrophenax nivalis maschio con piumaggio di eclissi
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Calcariidae
Genere Calcarius
Specie C. nivalis
Nomenclatura binomiale
Plectrophenax nivalis
(Linnaeus, 1758)
Sinonimi

Calcarius nivalis

Lo zigolo delle nevi (Plectrophenax nivalis (Linnaeus, 1758)) è un uccello della famiglia Calcariidae.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lunghezza 17-18 cm; ala 12-19 cm; apertura alare 32-38 cm; coda 6,6-7,1 cm; tarso 21-22 mm; becco 11-12 mm; peso 25-40 g. Specie propria delle regioni artiche, è facilmente riconoscibile per le ampie macchie bianche sulle ali e sulla coda: il maschio in abito estivo è bianco, con dorso, punta delle ali e centro della coda neri.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un uccello migratore, di breve/lunga distanza, che si sposta in stormi di circa una decina di esemplari.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Plectrophenax nivalis

Nidifica normalmente nelle zone artica e subartica (1-2 nidiate l'anno), ponendo il nido tra i sassi od in anfratti delle rocce, con 4-6 uova bianche e giallastre (o bluastre e verdastre), variamente maculate. La cova ha luogo da metà maggio a giugno e dura 15 giorni circa.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Onnivoro.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Emisfero nord, in particolare Groenlandia, Canada, Alaska, Siberia, Scandinavia, Italia ed Africa. In Italia è di passo irregolare ed invernale nelle province settentrionali, da novembre a febbraio e comunque raro.

Frequenta zone montuose (ad esempio le Alpi) e alle latitudini settentrionali anche zone rocciose presso il mare, nonché brughiere e campi.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Se ne conoscono quattro sottospecie:[2]

  • Plectrophenax nivalis nivalis;
  • Plectrophenax nivalis insulae;
  • Plectrophenax nivalis vlasowae;
  • Plectrophenax nivalis townsendi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Plectrophenax nivalis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Calcariidae in IOC World Bird Names (ver 4.4), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'11 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Galleria di immagini[modifica | modifica wikitesto]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli