Paparo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I Paparo sono una 'ndrina di Isola Capo Rizzuto alleata dei Nicoscia e degli Arena del crotonese e dei Barbaro di Platì.

Nonostante sia in corso a Isola Capo Rizzuto una faida tra Nicoscia e Arena, dall'operazione Isola del 2009 sembra che in nome degli affari la faida in Lombardia, dove vi sono diramazioni delle cosche madri non sia arrivata e che i Paparo insieme a queste abbiano svolto le loro attività illecite[1].

Nell'ottobre 2013 la Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza della Corte d’appello di Milano del processo Isola[2].

Esponenti di rilievo[modifica | modifica sorgente]

  • Marcello Paparo (Crotone 1964), presunto capobastone arrestato e imprenditore.

Il Consorzio «YtakA» e la «P e P» della movimentazione terra sono società riconducibili a lui o alla figlia Luana Paparo.
Il 4 ottobre 2004 a Cologno Monzese vengono sparati colpi di arma da fuoco contro l'abitazione e il veicolo di Marcello Paparo[1].
Il 16 marzo 2009 i carabinieri di Sesto San Giovanni (Mi), nell'operazione isola iniziata nel 2004, hanno ordinato l'arresto di più di 20 persone a Milano, Crotone, Catanzaro e Taranto per associazione mafiosa, estorsione, porto illegale d'armi e tentato omicidio, tra questi i Paparo alleati dei Nicoscia e degli Arena, accusati di sfruttamento dell'immigrazione, riciclaggio, favoreggiamento di latitanti e atti di intimidazione nella costruzione delle grandi opere pubbliche della Lombardia come alcune tratte dell'alta velocità ferroviaria Milano-Venezia. Nel corso dell'operazione sono state sequestrati armi tra cui un lanciarazzi della NATO e beni del valore di 10 milioni di euro[3],[1].
Il 19 febbraio 2010, va sotto processo il re del movimento terra, il padrone dei cantieri con un occhio alla TAV[4], Paparo spartiva con tutte le cosche calabresi, il lavoro nel settore del movimento terra nella zona di Monza, procurato attraverso intimidazioni[2].

  • Giancarlo Paparo, presunto armiere fratello di Marcello, arrestato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Cologno, duro colpo alla 'ndrangheta. Infiltrazioni in appalti e alta velocità in Corriere. Cronaca. 16 marzo 2009.
  2. ^ a b ‘Ndrangheta in Lombardia, cade in Cassazione un altro processo per mafia in Il fatto quotidiano. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  3. ^ La 'ndrangheta sugli appalti della Lombardia in Nuova Cosenza. 16 marzo 2009.
  4. ^ Appalti e cantieri della Tav, a processo il boss della 'ndrangheta. Il Giornale. Cronaca. 19 febbraio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Ndrine alleate