Giuseppe De Stefano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe De Stefano (Reggio Calabria, 1 dicembre 1969) è un criminale italiano. È stato il capo dell'omonima cosca della 'Ndrangheta.

Divenne latitante dal 2003 e fu incluso nella lista dei 30 più ricercati d'Italia fino alla sua cattura il 10 dicembre, 2008 a Reggio Calabria.[1]

È il figlio del noto ex capobastone Paolo De Stefano, ucciso nel 1985, considerato uno dei più alti capi della 'Ndrangheta. È stato condannato a 18 anni di carcere per traffico di droga e a 30 per associazione mafiosa.

Divenne capobastone dei De Stefano dopo l'arresto dello zio Orazio De Stefano, fratello di Paolo nel febbraio 2004. Suo fratello maggiore Carmine De Stefano fu arrestato nel dicembre 2001.[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Arrestato Giuseppe De Stefano capocosca della 'ndrangheta, La Repubblica, 10 dicembre, 2008
  2. ^ 'Ndrangheta, preso De Stefano, La Repubblica, 22 febbraio, 2004
  3. ^ Colpo alla 'ndrangheta. Preso a Reggio Calabria il superboss De Stefano, Corriere della Sera, 9 dicembre, 2001

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie