Corte di cassazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Corte di Cassazione)
La sede della Corte di cassazione francese a Parigi

La corte di cassazione è una corte suprema, organo al vertice del potere giudiziario nell'ordinamento giuridico di riferimento.

Nata in Francia, è stata adottata successivamente da diversi stati ad ordinamento civil law che ne seguono il modello, tra cui l'Italia (dove dal 1923 la denominazione ufficiale è Corte suprema di cassazione). Altri stati sono il Belgio, l'Albania, il Libano, la Romania e vari ex possedimenti francesi divenuti indipendenti (Gabon, Costa d'Avorio, Senegal, Tunisia, Haiti ecc.)

Origine storica[modifica | modifica wikitesto]

In Francia già esisteva il Conseil des parties, istituito nel 1578 come una sezione speciale del Consiglio del Re, per assicurare e conservare la legge. Ma l'Assemblea legislativa volle creare qualcosa di nuovo sulla base della filosofia espressa da Montesquieu prima e Rousseau poi. Questa concezione ebbe una base razionale nel decreto dell'Assemblea nazionale costituente del 1º maggio 1790 col quale veniva sancito all'articolo 3 che vi sarebbero stati soltanto due gradi di giurisdizione in materia civile. Ciò escludeva che la cassazione potesse essere giudice di terzo grado. Fu così che nacque con il decreto 27 novembre 1790 il Tribunal de Cassation (la denominazione attuale, Cour de cassation, risale al 1804).

La denominazione iniziale fu il nome di Tribunal de cassation (la denominazione attuale, Cour de cassation, risale al 1804). Inizialmente fu posta sotto lo stretto controllo del Corpo legislativo: i rivoluzionari, infatti, temevano che un organo giurisdizionale indipendente avrebbe potuto interpretare il nuovo diritto, instaurato dalla Rivoluzione, secondo gli interessi delle vecchie classi dominanti. Per questo motivo fu addirittura previsto che, ove l'interpretazione della legge fosse controversa, il Tribunal de cassation avrebbe dovuto sottoporre la questione al Corpo legislativo, procedura questa, nota come référé législatif, che si sarebbe ben presto rivelata impraticabile e fu abolita nel 1804 con il Code Napoléon.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Corte suprema.

In Francia e negli ordinamenti che ne seguono il modello la corte di cassazione è giudice di legittimità, nel senso che non riesamina tutti gli aspetti della causa ma si limita a verificare la corretta applicazione delle norme del diritto, sostanziale e processuale, da parte del giudice che ha pronunciato la decisione impugnata, ignorando invece le questioni di fatto; nel caso rilevi un'errata applicazione del diritto la corte cassa (cioè annulla) la decisione impugnata e se del caso rinvia la causa al giudice competente stabilendo il punto di diritto al quale deve attenersi. In altri ordinamenti, invece, tra i quali quello germanico, la corte suprema è giudice di merito, poiché riesamina tutti gli aspetti, di diritto e di fatto, della causa: in questo caso il ricorso alla corte suprema dà luogo ad un ulteriore grado di giudizio, non diverso dai precedenti, in esito al quale la corte si pronuncia con una decisione che conferma o sostituisce quella impugnata.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Corti di cassazione nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]