Osteonecrosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'osteonecrosi detta anche necrosi avascolare, è un infarto del midollo e del tessuto osseo.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine è sempre un'ischemia, che può avere varie cause:

Sebbene diverse patologie siano associate alla necrosi ossea, spesso l'eziologia rimane incerta.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche anatomopatologiche sono le stesse indipendentemente dall'eziologia. Negli infarti midollari la necrosi è localizzata e coinvolge osso spongioso e midollo, la corticale è in genere integra grazie al suo flusso ematico collaterale. Nell'infarto subcondrale la necrosi colpisce un segmento di tessuto triangolare o cuneiforme, che ha per base l'osso subcondrale e per apice il centro dell'epifisi, la cartilagine soprastante rimane integra grazie al nutrimento che giunge dal liquido sinoviale. L'osso morto, riconoscibile dalle lacune vuote, è circondato da adipociti necrotici che spesso si rompono liberando acidi grassi. Questi legano il calcio formando saponi di calcio insolubili, che spesso permangono per tutta la vita. Nel processo di guarigione gli osteoclasti riassorbono le trabecole necrotiche, quelle rimaste servono da impalcatura per la deposizione di nuovo osso vitale con un processo noto come sostituzione strisciante. Negli infarti subcondrali la sostituzione strisciante può essere troppo lenta, portando al collasso dell'osso spongioso necrotico e alterazione, frattura o addirittura scomparsa della cartilagine articolare.

Diagnosi[1][modifica | modifica wikitesto]

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Visualizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

La forma più comune è quella localizzata alla testa del femore, prevale nel sesso maschile dopo i 30 anni e spesso è bilaterale. La manifestazione clinica prevalente è il dolore, che compare col carico e scompare con il riposo, poi nelle fasi avanzate si fa continuo. La necrosi femorale può non essere evidente alla radiografia nelle fasi iniziali; si manifesta quando compaiono zone di sclerosi associate a un caratteristico avvallamento della testa femorale (segno del gradino). Successivamente la testa del femore tende ad appiattirsi con comparsa di artrosi secondaria e di ipotrofia dei muscoli quadricipiti.

La scintigrafia mostra un'ipercaptazione del tracciante a livello dell'area di necrosi, mentre l'angiografia digitale evidenzia l'interruzione del flusso sanguigno in corrispondenza dell'arteria cefalica.

Evoluzione clinica[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi dipendono dall'estensione e dalla localizzazione dell'infarto. Tipicamente, gli infarti subcondrali causano dolore cronico inizialmente associato solo all'attività fisica, ma che diventa sempre più costante con l'aumentare delle alterazioni. Al contrario gli infarti midollari sono clinicamente silenti tranne in quelli particolarmente estesi, vanno spesso incontro a collasso e possono predisporre ad una grave artrosi secondaria.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La terapia è essenzialmente sintomatica, poiché le caratteristiche della malattia portano inesorabilmente il paziente all'intervento di artroprotesi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La necrosi avascolare 14 ott 2011

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. S. Fauci, E. Braunwald, D. L. Kasper, S. L. Hauser, J. L. Jameson, J. Loscalzo, "Harrison, Principi di Medicina Interna", ISBN 9788838624629
  • Robbins e Cotran, Le Basi Patologiche delle Malattie, Ed. Elsevier Masson
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina