Displasia fibrosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Displasia fibrosa
Malattia rara
Codici di esenzione
SSN italiano RNG060
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 526.89, 733.29, 756.54
ICD-10 (EN) K10.8, M85.0, Q78.1

La displasia fibrosa è in medicina, una malattia ossea che si manifesta con uno sviluppo anormale dell’osso. Si sviluppa soprattutto nella costa.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Esistono le forme monostotica, dove viene coinvolto un osso solo e la forma poliostotica che invece si manifesta in più ossa, in tal caso si può osservare la sindrome di McCune-Albright.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

La displasia raramente mostra sintomi risultando per la maggior parte asintomatico. Solo nelle forme più gravi si assiste durante la fase dello sviluppo ad una possibile zoppia, per via dell’accorciamento delle ossa, fino ad arrivare alla cosiddetta “bastone da pastore”.

Esami[modifica | modifica wikitesto]

Viene diagnosticato con una radiografia, ma se viene utilizzata è soltanto per verificare un altro danno all’organismo o in sede di controllo.

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Nelle forme gravi il solo innesto osseo non comporta risultati definitivi, deve essere accompagnato ad altri trattamenti quali il curettage e osteotomia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina