Iperostosi corticale infantile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Iperostosi corticale infantile
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 756.59
ICD-10 (EN) M89.8
Sinonimi
malattia di Caffey

Per iperostosi corticale infantile in campo medico, è una malattia caratterizzata da ingrossamento delle ossa (iperostosi), che colpisce i neonati, si manifesta più frequentemente nella zona mandibolare.

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Nei soli USA l'incidenza risulta essere 3 ogni 1000 bambini nata, l'insorgenza dei sintomi è stata calcolata fra le 9 e le 11 settimane dalla nascita.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Il primo medico a descrivere la malattia fu John Caffey nel 1945.[1]

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

I sintomi e i segni clinici presentano dolore diffuso, febbre, disfagia, pleurite e irriquietezza del bambino. Dagli esami del laboratorio si mostra un innalzamento dei valori della VES.

Esami[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Caffey J: Infantile Cortical Hyperostoses. J Pediatr 1946; 29: 541-59.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina