Hospital de la Santa Creu i Sant Pau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ospedale di Sant Pau)

Coordinate: 41°24′46″N 2°10′28″E / 41.412778°N 2.174444°E41.412778; 2.174444

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Palau de la Música Catalana e ospedale di Sant Pau, Barcellona
(EN) Palau de la Música Catalana and Hospital de Sant Pau, Barcelona
20061225-Barcelona Hospital de la Santa Creu i Sant Pau MQ.jpg
Tipo Culturali
Criterio (i) (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1997
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

L'Hospital de la Santa Creu i Sant Pau (nome catalano dell'"ospedale della Santa Croce e San Paolo"), noto anche come Hospital de Sant Pau, è un edificio situato nel distretto Guinardò di Barcellona (Spagna).

Oltre ad essere uno degli ospedali più importanti della città, nonché l'edificio più grande realizzato dal suo architetto Lluís Domènech i Montaner, l'Hospital viene citato fra i migliori esempi di modernismo pubblico.

Nel 1997 è stato dichiarato Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

Attualmente sono in corso alcuni lavori di restauro, destinati a protrarsi fino al 2016, che renderanno la struttura un museo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'attuale edificio sia stato costruito nel ventesimo secolo, l'ospedale di Sant Pau venne fondato nel 1401 attraverso la fusione di sei piccoli ospedali medievali[senza fonte]. I vecchi edifici dell'ospedale, situati nel centro di Barcellona, risalgono al quindicesimo secolo e ospitano la Escola Massana e la Biblioteca de Catalunya[senza fonte]. In seguito alla sua distruzione, dovuta ad un incendio avvenuto nel 1887, il benefattore Pau Gil commissionò l'architetto Montaner per erigere un nuovo ospedale nell'Eixample. Tuttavia, l'architetto decise di realizzarlo presso l'attuale distretto di Guinardò, dove aveva a disposizione 150 ettari di terreno. La costruzione dell'edificio venne diretta da Domenech dal 1902 fino al 1923 (anno della sua morte) e terminata dal figlio Pere Domènech Roura nel 1930.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Oltre la sua monumentale facciata di gusto gotico decorata da mosaici e stemmi araldici, l'L'Hospital de Sant Pau presenta un vastissimo spazio dove, in mezzo a numerosi giardini, sono situate, oltre all'edificio principale, due schiere di 48 padiglioni tutti diversi fra loro e creati appositamente per il personale e gli infermi. Essi sono tutti connessi a un enorme piano sotterraneo dedicato alle aree di servizio.

Ogni zona della struttura è ecletticamente decorata da vivaci e luminosi mosaici, sculture e ceramiche che vennero progettati, fra gli altri, da Eusebi Arnau, Pau Gargallo e Francesc Labarta. La componente orientaleggiante della struttura è visibile soprattutto nelle cupole dai profili vivaci, nella chiesa interna e nella Casa de Convalèscencia, situata all'estremo est della struttura. Ciò che colpisce dell'edificio sono l'eleganza, la modernità e la funzionalità dei servizi, tutti sotterranei.[senza fonte]

La pianta dell'Hospital si presenta ruotata di quarantacinque gradi rispetto al reticolato cittadino poiché l'architetto non sopportava la "monotonia di due linee parallele ampiamente separate".

La luminosità e il decorativismo dell'edificio sono stati volutamente scelti dall'architetto al fine di alleviare il dolore degli infermi. A tale riguardo, suo figlio dichiarò:

« ...egli pensava che qualunque cosa potesse infondere un senso di benessere nei malati costituiva anche una forma di terapia. »

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Harvard Student Agencies, Inc, Let's Go Europe Top 10 Cities: The Student Travel Guide, Avalon Travel, 2012, p. 121.
  • Damien Simonis, Spagna settentrionale, EDT, 2009, p. 243.
  • Robert Hughes, Barcellona l'incantatrice, Feltrinelli Editore, 2005, pp. 97-99.
  • Jules Brown, The Rough Guide to Barcelona, Rough Guides, 2004, pp. 105-106.
  • Touring Club italiano, Spagna Nord: Barcellona e Catalogna, Valencia, Aragona e Baleari, Pirenei e costa atlantica, Touring Editore, 2003, p. 91.
  • Damien Simonis, Le guide traveler di National Geographic: Barcellona, National Geographic, 2004, p. 163.
  • Spagna est. Barcellona Valencia Araggona Catalogna, Touring Editore, 2005, p. 157.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]