Matese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matese
Matese.jpg
Matese: Monte Miletto e La Gallinola dal versante campano
Stato Italia Italia
Regione Molise Molise, Campania Campania
Provincia Campobasso Campobasso
Isernia Isernia
Benevento Benevento
Caserta Caserta
Altezza Monte Miletto 2050 m s.l.m.
Catena Appennino sannita (negli Appennini)
Coordinate 41°40′N 14°40′E / 41.666667°N 14.666667°E41.666667; 14.666667Coordinate: 41°40′N 14°40′E / 41.666667°N 14.666667°E41.666667; 14.666667
Altri nomi e significati Matese, Monti del Matese
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Matese

Il Massiccio del Matese fa parte dell'Appennino sannita ed è compreso in due regioni (Campania e Molise) e quattro province (Benevento, Campobasso, Caserta e Isernia).

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La cima più alta si trova in Molise, nel comune di Roccamandolfi, ed è monte Miletto (2050 m s.l.m.), seguono la Gallinola (1923 m s.l.m.) che risulta essere la cima più alta in territorio Campano, il monte Mutria (1823 m s.l.m.), il monte Erbano nel comune di Gioia Sannitica(1385 m s.l.m.) e il monte Maio.

Il massiccio del Matese si affaccia ad ovest sulla valle del medio Volturno in vista dei monti Trebulani, a est sulla zona preappenninica molisana, a nord è limitato dai monti delle Mainarde e dalla Maiella, a sud dal massiccio Taburno Camposauro.

Da nord a sud il massiccio raggiunge un'estensione di circa 60 km, mentre da est a ovest è di circa 25 km. I monti fanno parte del parco regionale del Matese.

Vi si trova un lago di origine glaciale (il lago del Matese), due laghi artificiali (di Gallo Matese e di Letino, formato dalla diga sul fiume Lete) e gli impianti sciistici di Bocca della Selva (BN) e Campitello Matese (CB), che ospita una stazione tra le più importanti del meridione.

Flora[modifica | modifica sorgente]

La flora varia in base all'altitudine: a quota media è presente il faggio e in alta quota l'abete, mentre più in basso si trovano betulle, ginepri, querce e castagni. Più a sud sono presenti boschi di leccio.

Fauna[modifica | modifica sorgente]

Oltre alla fauna domestica equini, bovini, ovini, e caprini che pascolano allo stato brado, nei pressi di monte Miletto e la Gallinola, si possono osservare volatili come falchi, sirenelle e qualche esemplare di aquila; da qualche tempo è ricomparso anche il lupo appenninico assente da decenni.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Testimone di segni di civiltà remote, la storia di questo complesso montuoso, inizia oltre 25 secoli or sono ad opera dei primi abitanti di origine italica, mentre i coloni greci che pur tanta incidenza ebbero sulle popolazioni di pianura poco influirono sugli abitanti del Matese.

Nel 216 a.C. questo territorio fu invaso anche dai soldati cartaginesi guidati da Annibale.

Dopo il V secolo si diffuse il monachesimo che diede origine a molti centri abitati come San Gregorio Matese (CE), San Salvatore Telesino (BN) ecc.

Nel 1800 il Matese servì da rifugio ai partigiani realisti che lottavano contro Murat e i Francesi, diventando il covo dei cosiddetti " briganti " che si aggiravano per le aspre contrade fino al 1815.

Più tardi tra il 1861-65 trovarono rifugio sulle montagne matesine, uomini della più disparata provenienza ideologica: soldati borbonici renitenti di leva con l'aggiunta di veri delinquenti, comandati dall'ex cavalleggero borbonico Cosimo Giordano di Cerreto (BN) con bande che raggiungevano oltre i 500 componenti. Nel 1877 ci fu un tentativo, da parte di Errico Malatesta e dei suoi seguaci, di suscitare un moto di natura anarchica ma dopo pochissimi giorni la banda, stremata dal maltempo, si arrese[1]

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Manlio Cancogni <Gli Angeli neri ed Mursia

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]