Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Mario & Wario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario & Wario
Mario to Wario.png
Splash screen del gioco
Titolo originale マリオとワリオ
Sviluppo Game Freak
Pubblicazione Nintendo
Ideazione Satoshi Tajiri
Serie Mario
Data di pubblicazione Giappone 27 agosto 1993
Genere Rompicapo
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Super Nintendo Entertainment System
Supporto Cartuccia
Periferiche di input Mouse

Mario & Wario (マリオとワリオ Mario to Wario?) è un videogioco rompicapo sviluppato da Game Freak e pubblicato nel 1993 da Nintendo per Super Famicom. È uno dei titoli compatibili con il mouse per SNES.

Sebbene sia interamente in lingua inglese, il videogioco è stato distribuito solamente in Giappone, sebbene fosse stato pubblicizzato all'interno della rivista statunitense Nintendo Power, oltre che in Canada.[1][2][3]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Wario ha coperto la testa di Mario con diversi oggetti che ne ostruiscono la visuale (tra cui secchi, vasi o cestini). Con l'aiuto di Wanda, Mario deve attraversare scenari pieni di pericoli per raggiungere il fratello Luigi che lo aiuterà a liberarsi.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Mouse per SNES

In Mario & Wario si controlla la fata Wanda utilizzando il mouse per SNES. Tramite il click del mouse Wanda può controllare differenti oggetti presenti nell'ambiente del gioco, incluso Mario. Ogni dieci livelli è previsto uno scontro tra Wanda e Wario, quest'ultimo a bordo di un aeroplano.

Il gioco prevede tre personaggi giocanti: Mario, la Principessa Peach e Yoshi. I tre personaggi differiscono per velocità, rendendo il gioco progressivamente più difficile.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il videogioco è ideato da Satoshi Tajiri di Game Freak, l'azienda sviluppatrice della serie Pokémon.[4] La musica è affidata a Junichi Masuda.

Il personaggio di Wanda comparirà nuovamente nel videogioco Wario's Woods e nel manga Super Mario-kun. Mario & Wario è citato nei videogiochi Pokémon Rosso e Blu e Pokémon Giallo.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pak Watch in Nintendo Power, nº 52, settembre 1993, pp. 110.
  2. ^ (EN) Pak Watch Update in Nintendo Power, nº 54, novembre 1993, pp. 113.
  3. ^ (EN) Mario & Wario in Snes Central.
  4. ^ (EN) Helen Peterson, King Of Craze Too Shy For Spotlight Pifather Is An Introvert in New York Daily News, 15 novembre 1999.
  5. ^ (EN) Pokémon: Red, Green & Blue Version in nindb.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Neil Foster, Mario & Wario in Hardcore Gaming 101, 20 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]