Dr. Mario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Dr. Mario
Drmario.png
Immagine di gioco
Titolo originale Dokutā Mario
Sviluppo Nintendo R&D1
Pubblicazione Nintendo
Serie Mario
Data di pubblicazione Giappone27 luglio 1990
Stati Unitiottobre 1990
Genere Rompicapo
Modalità di gioco Giocatore singolo, multiplayer
Piattaforma Nintendo Entertainment System, Game Boy, Game Boy Advance, PlayChoice-10
Supporto Cartuccia
Fascia di età ESRB: E (Everyone)
Periferiche di input Gamepad

Dr. Mario (Dr. マリオ Dokutā Mario?) è un videogioco rompicapo sviluppato e distribuito da Nintendo nel 1990, originariamente per il Nintendo Entertainment System e per il Game Boy.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Mario, nei panni di un medico, deve distruggere dei virus impilando delle capsule di vitamine. I virus possono essere di tre differenti colori, ovvero blu, giallo e rosso; anche le capsule rispettano questa colorazione, ma essendo divise a metà possono anche essere composte da due colori differenti. Per eliminare i virus occorre impilare tre parti di capsule del medesimo colore sopra il virus, muovendo o ruotandole nel campo di gioco, rappresentato come una bottiglia; le capsule in eccesso rimangono nella schermata, ma possono essere eliminate impilandone quattro del medesimo colore. Una volta distrutti tutti i virus il livello termina e passa a quello seguente; è possibile iniziare a giocare selezionando uno dei 21 livelli a disposizione, e terminando l'ultimo si sbloccheranno altri 20 livelli più difficili.

Altre apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Dr. Mario è stato dichiarato il 134° miglior gioco Nintendo nella classifica "Top 200" della rivista Nintendo Power;[1] è stato inoltre classificato come settimo miglior gioco di Mario nella "Top Ten Mario Games" di ScrewAttack.[2]

Serie[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ NP Top 200 in Nintendo Power, vol. 200, febbraio 2006, pp. 58-66.
  2. ^ Gametrailers.com - ScrewAttack - Top Ten Mario Games
  3. ^ cabel.name: On Brain Training

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]