Wario: Master of Disguise

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Wario: Master of Disguise
Wariodisguise.jpg
Cover di Wario: Master of Disguise.
Sviluppo Suzak
Pubblicazione Nintendo
Data di pubblicazione Giappone 18 gennaio 2007
Stati Uniti 5 marzo 2007
Europa 1º giugno 2007
Australia 17 maggio 2007
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Nintendo DS
Supporto Cartuccia DS

Wario: Master of Disguise, noto in giappone come Kaitō Wario the Seven (怪盗ワリオ・ザ・セブン Kaitō Wario za Sebun?), è un videogioco a piattaforme per Nintendo DS, pubblicato da Nintendo e sviluppato da Suzak. Il protagonista del gioco è Wario. Rilasciato il 18 gennaio 2007 in Giappone, il 5 marzo 2007 in America e il 1º giugno in Europa, Wario: Master of Disguise è il successore di Wario Land 4.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Wario segue uno show televisivo, quando a un certo punto vede il Conte Cannoli, un famoso e abile ladro che si fa chiamare Zefiro Argentato, e diventa invidioso delle sue abilità. Perciò dopo aver avuto un'idea, crea un elmetto speciale con il quale riesce ad entrare nella televisione. L'invenzione di Wario funziona, ed atterra proprio sul Conte, che perde la sua bacchetta magica chiamata Graziano. Grazie a questa bacchetta, Wario è in grado di trasformarsi ed acquisire abilità differenti. Wario diventa quindi un ladro, e viene poi a conoscenza di una pietra preziosa, la Pietra del Desio, e decide di impossessarsene. Lungo la sua strada, incontra il ladro rivale del Conte Cannoli, Carpaccio, anch'esso alla ricerca della Pietra del Desio. Sfortunatamente, dopo aver ottenuto la pietra, Wario rilascia involontariamente un demone chiamato Terrormisu, in grado di divorare l'anima di qualsiasi cosa. Wario con l'aiuto di Graziano riesce ad intrappolare Terrormisu in una dimensione parallela. Nonostante tutto, il povero Wario perde tutti i tesori che aveva guadagnato, a causa delle scarse potenzialità del suo elmetto speciale. Wario torna infine nel suo mondo deriso da Cannoli, giurando di tornare prima o poi.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

In questo gioco Wario può trasformarsi e utilizzare sette travestimenti diversi, ognuno con la sua specifica abilità che influisce sul gameplay. Lo scopo dell'antieroe è quello di ottenere la misteriosa Pietra del Desio, aiutato da una bacchetta incantata di nome Graziano, rubata al Conte Cannoli. Il gioco è suddiviso in episodi diversi. Per trasformarsi, il giocatore deve disegnare un simbolo specifico nel touch screen.

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ha ricevuto opinioni miste. Alcune recensioni, come quella di Gamespot, lo definisce un gioco passabile, ma spoglio e poco originale, aggiungendo anche che si sarebbe potuto fare a meno delle funzioni del touch screen[1]. Il sito americano IGN ha fatto notare invece che il gioco è stranamente sconfortevole, e che il gameplay risulta come quello di un gioco di terze parti.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gamespot: Wario: Master of Disguise for DS Review
  2. ^ IGN: Wario: Master of Disguise Review
videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi