Satoshi Tajiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Satoshi Tajiri (田尻智 Tajiri Satoshi?) (Machida, 28 agosto 1965) è un informatico giapponese. È il creatore della serie di videogiochi Pokémon.

Figlio di un rappresentante della Nissan e di una casalinga[1], da bambino Satoshi viveva in un sobborgo di Tokyo e amava collezionare insetti, catturandoli negli stagni, nei campi e nelle foreste, costantemente in cerca di nuove specie e di nuovi modi per attirare insetti, ad esempio gli scarafaggi.[2] Era così attratto dagli insetti che i coetanei gli attribuirono il nomignolo di "Dr. Bug" (Dottor Insetto).[3]

A Satoshi non piaceva la scuola. Alla fine degli anni settanta, i campi tanto amati da Satoshi, quando era bambino, furono sostituiti da appartamenti e costruzioni varie. In quel momento crebbe la sua idea che l'avrebbe portato alla creazione dei Pokémon, poiché voleva dare la possibilità ai bambini dell'era moderna di catturare le sue creature, allo stesso modo di come lui catturava gli insetti. Satoshi si appassionò ai videogiochi.[1]

Nel 1982 Satoshi e i suoi amici, tra cui Ken Sugimori che conobbe in una sala giochi, fondarono una rivista di videogiochi chiamata Game Freak. Nel 1991 Satoshi vide per la prima volta un Game Boy e, non appena notò il cavo Game Link, immaginò degli insetti passare attraverso esso e nacque l'idea dei Pokémon. Tajiri chiamò la sua software house Game Freak, nome ispirato dalla sua rivista.[3]

Tajiri andò a lavorare alla Nintendo e trascorse i successivi 6 anni a lavorare sui Pokémon. Diventò amico di Shigeru Miyamoto, creatore di videogiochi di grande successo come Super Mario Bros., The Legend of Zelda, Pikmin e Donkey Kong, che diventò anche il suo mentore. Per rendere omaggio a Tajiri e a Miyamoto, gli sviluppatori del gioco, nella sua versione giapponese, chiamarono Satoshi l'allenatore Rosso e Shigeru il personaggio Blu.

Numerose fonti affermano che Tajiri sia affetto dalla sindrome di Asperger.[4][5][6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Beware of the Poke Mania, pagina 3, TIME
  2. ^ (EN) 69. Satoshi Tajiri da IGN
  3. ^ a b (EN) The Ultimate Game Freak, TIME
  4. ^ Lori Mortensen, Satoshi Tajiri: Pokémon Creator, KidHaven, ISBN 978-0-7377-4269-5.
  5. ^ (EN) A Salute to Japanese Game Designers
  6. ^ (EN) The Hot 100 Game Developers of 2006
  7. ^ (EN) Asperger's syndrome: The ballad of Nikki Bacharach, The Independent

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2004578 LCCN: no00001030