Namco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Namco Ltd.
Logo
Stato Giappone Giappone
Tipo società a responsabilità limitata
Fondazione 1955 a Tokyo
Fondata da Masaya Nakamura
Sede principale Tokyo
Gruppo Bandai Namco Holdings
Persone chiave Masaya Nakamura, fondatore
Settore videogiochi
Prodotti (vedi lista di videogiochi Namco)
Sito web www.namco.co.jp/

Namco Ltd (株式会社ナムコ Kabushiki Gaisha Namuko?) è una software house giapponese produttrice di videogiochi, fondata nel 1955 da Masaya Nakamura.

Dal 2005 è parte della holding Bandai Namco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1955 Masaya Nakamura fondò a Kanagawa la Nakamura Manufacturing Ltd., iniziando a produrre cavalli meccanici da installare in alcuni grandi magazzini di Yokohama e Nihonbashi. La società prese il nome Namco nel 1968.

Nel 1974 la Namco comprò la divisione giapponese della Atari entrando nel mercato degli arcade. Comincia così una rapida espansione che portò, nel giro di pochi anni, alla fondazione di Namco Enterprises Asia Ltd. ad Hong Kong e di Namco America Inc., in California.

Il primo gioco targato Namco prese vita nel 1977 per opera di Toru Iwatani. Si trattò di Gee Bee, una sorta di incrocio tra Breakout e un Flipper. Il primo successo arrivò già l'anno successivo con Galaxian, ma a consacrare la Namco ci pensò il famosissimo Pac-Man del 1980. Pac-Man divenne in breve tempo un vero e proprio cult tanto da essere ancora oggi la mascotte della software house nipponica.

Dopo l'enorme successo di Pac-Man, la Namco sfornò altri famosi arcade e colleziona qualche primato: Bosconian nel 1981 fu il primo gioco che dà la possibilità di continuare, Pac-Land nel 1984 fu il primo platform a scorrimento, Dragon Buster fu il primo ad avere una barra d'energia mentre Final Lap del 1987 fu il primo videogioco multi-player multi-cabinet.

Con Ridge Racer (1993) la Namco aprì le porte al 3D e un anno dopo, nel 1994, iniziò la produzione della nota serie Tekken.

Nel 1995 pubblicò il primo arcade in volo della serie Ace Combat ed il primo uscito su PlayStation.

Nel 1996 Namco diede vita ai Tamagotchi, un gioco elettronico portatile creato da Aki Maita.

Nel 2006 la Namco si fonde con l'azienda di giocattoli Bandai, dando vita alla Bandai Namco Holdings. Sempre nel 2006 il marchio Bandai assorbe la divisione videogiochi della Namco, portando alla creazione della Bandai Namco Games; il marchio Namco rimane così attivo nel solo Giappone, utilizzato dalla divisione arcade operante nella Bandai Namco's Amusement Facility SBU.

Prodotti famosi[modifica | modifica wikitesto]

È famosa per aver lanciato sul mercato titoli storici come Galaxian, Pac-Man, Galaga, Bosconian, Pole Position, Xevious, Mappy e Rolling Thunder. Nel corso degli anni novanta ha prodotto le serie di Tekken, Soulcalibur (Soul Blade), Ridge Racer (fra l'altro il primo gioco di guida a usare una grafica 3D complessa) Ace Combat, Xenosaga, Klonoa e Tales of (una delle serie di giochi di ruolo più longeve mai realizzate, per quanto raramente esportata al di fuori del Giappone).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]