Llandeilo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'epoca dell'Ordoviciano che prende il nome dalla città, vedi Llandeilo (geocronologia).
Llandeilo
città
Llandeilo – Veduta
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito
   Galles Galles
Area principale Carmarthenshire
Territorio
Coordinate 51°53′02.6″N 3°59′57.06″W / 51.884056°N 3.999183°W51.884056; -3.999183 (Llandeilo)Coordinate: 51°53′02.6″N 3°59′57.06″W / 51.884056°N 3.999183°W51.884056; -3.999183 (Llandeilo)
Abitanti 1 731 (2001)
Altre informazioni
Cod. postale SA19
Prefisso (+44) 01558
Fuso orario UTC+0
Contea tradizionale Dyfed
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Llandeilo
Sito istituzionale
Una via di Llandeilo
Llandeilo: la Newton House o Plas Dinefwr nel Dinefwr Park

Llandeilo (1.700 ab. ca.[1]) è una cittadina del Galles meridionale, facente parte della contea del Carmarthenshire e dell'ex-distretto di Dinefwr (contea tradizionale: Dyfed) e situata nell'area del parco nazionale delle Brecon Beacons[2][3] e lungo il corso del fiume Tywi/Towy[2][4].

Nel Medioevo, la località fu - per la sua posizione strategica - la capitale del regno di Deheubarth.[4]

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Llandeilo significa letteralmente "chiesa (llan) di San Teilo".[5] Teilo fu un santo attivo nel Paese nel corso del VI secolo al fianco di San Davide del Galles[2] e, secondo la leggenda, sarebbe stato sepolto proprio a Llandeilo[2].

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Collocazione[modifica | modifica wikitesto]

Llandeilo si trova lungo i margini occidentali del parco nazionale delle Brecon Beacons[3], tra le cittadine di Llandovery ed Ammanford (rispettivamente a nord della prima e a sud/sud-ovest della seconda)[3] e a circa 50 km[6] ad ovest/sud-ovest di Brecon.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Al censimento del 2001, Llandeilo contava una popolazione pari a 1.731 abitanti.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La città fu incendiata nel 1213, 1316 e 1403.[4]

Il 19 ottobre 1987 Llandeilo fu teatro di una tragedia: durante le alluvioni che stavano flagellando il Galles; infatti l'esondazione del fiume Tywi causò il crollo del Glanrhyd Bridge proprio mentre stava transitando il treno Swansea-Shrewsbury, crollo nel quale morirono 4 persone.[7]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di Llandeilo si caratterizza per la presenza di numerosi edifici in stile georgiano e vittoriano.[2]

Edifici e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Teilo[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli edifici principali di Llandeilo, vi è la chiesa intitolata a San Teilo, che fu fondata nel VI secolo[2], ma che presenta ora elementi architettonici risalenti ad epoche successive[2], come il campanile del XVI secolo[2]. L'edificio, ad eccezione proprio del campanile, fu demolito nel 1850[2] e ricostruito dall'architetto vittoriano George Gilbert Scott[2].

Una ricostruzione dell'edificio originale si trova nel National History Museum di St Fagans.[8]

Ricostruzione degli interni chiesa di San Teilo nel St Fagans National History Museum
Affresco nella Chiesa di San Teilo, nella ricostruzione fatta nel St Fagans National History Museum

Dinefwr Castle[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Castello di Dinefwr .

Poco fuori dal centro cittadino, si trova il Dinefwr Castle, che fu sede dei signori di Dinefwr, che governavano il regno di Deheubarth.[2][9]

Llandeilo: il Dinefwr Castle

Dinefwr Park[modifica | modifica wikitesto]

Altra attrattiva di Llandeilo è il Dinefwr Park, che ospita la più antica razza di bestiame di tutta la Gran Bretagna[2].

All'interno del parco si trova anche la Newton House o Plas Dinefwr, costruita nel 1660 da Edward Rice.[2]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi celebri[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Llandeilo (Carmarthenshire) su City Population
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m Llandeilo su Wales Directory
  3. ^ a b c A.A.V.V., Key Guide - Gran Bretagna, Touring Club Italiano, Milano, 2007, p.
  4. ^ a b c Llandeilo.org: History > When they burnt Llandeilo to the ground su
  5. ^ Llandeilo.org: Churches and Religion > St Teilo's Church
  6. ^ ViaMichelin.it: Itinerario da Llandeilo a Brecon
  7. ^ Report on the Collapse of Glanrhyd Bridge on 19th October 1987 in the Western Region of British Railways :: The Railways Archive
  8. ^ St Teilo's Church reconstruction project, in: National Museum Wales
  9. ^ Llandeilo.org: Places to Visit > Dinefwr Castle
  10. ^ Llandeilo RFC
  11. ^ Llandeilo Town AFC Football Club
  12. ^ http://www.stefancush.com/stefan-cush.html

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito