Liya Kebede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liya Kebede
Liya Kebede at the 2008 Tribeca Film Festival.JPG
Altezza 178 cm
Misure 82.5-58.5-86.5
Taglia 34 (UE) - 4 (US)
Scarpe 41 (UE) - 9 (US)
Occhi Marrone
Capelli Castano

Liya Kebede (Addis Abeba, 3 gennaio 1978) è una supermodella etiope. Secondo la rivista Forbes, la Kebede è l'undicesima modella più pagata al mondo,[1] ed è una delle pochissime modelle africane a comparire nel circuito della moda internazionale[2].

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Il punto di svolta nella sua carriera avviene quando Tom Ford le chiese un contratto esclusivo per le sfilate della casa di moda fiorentina Gucci autunno/inverno 2000[3]. Kebede fu una delle finaliste del concorso per supermodelle Miss World ed in seguito è diventata una delle modelle più richieste, sfilando sulle passerelle di New York, Milano, Londra e Parigi.[4]. La popolarità della Kebede nell'industria della moda è maggiormente aumentata quando è apparsa nella copertina di maggio 2002 di Vogue francese che le dedica l'intero numero[4]. La modella è apparsa anche sulle copertine italiane, giapponesi, americane, francesi e spagnole di Vogue, V, Flair, i-D e Time'.

Liya Kebede ha anche avuto alcuni ruoli cinematografici nei film The Good Shepherd - L'ombra del potere e Lord of War.[5].

Nel 2013 compare nel Calendario Pirelli ed è una dei volti della campagna di Roberto Cavalli autunno/inverno 2013/2014[6].

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 2000 ha sposato il proprio manager, il connazionale Kassy Kebede dal quale ha avuto due figli Suhul nel 2001 e Raee nel 2005.

Agenzie[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Forbes Top Fifteen Models. Retrieved on 2007-06-16.
  2. ^ A Black Model Reaches the Top, a Lonely Spot in New York Times, 8 aprile 2003.
  3. ^ Cause for Celebration in Vogue, dicembre 2006.
  4. ^ a b Liya Kebede Photos on Style.com
  5. ^ (EN) Liya Kebede in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  6. ^ Roberto Cavalli, la campagna pubblicitaria autunno inverno 2013 2014

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 120204199