Joanna Moore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joanna Moore con Roger Moore in una foto pubblicitaria per la serie televisiva Le cause dell'avvocato O' Brien (1965)

Joanna Moore (Parrott, 10 novembre 1934Indian Wells, 22 novembre 1997) è stata un'attrice statunitense.

Per gli schermi cinematografici collezionò dal 1957 al 1986 17 partecipazioni mentre per il piccolo schermo diede vita a numerosi personaggi in oltre 70 produzioni dal 1956 al 1980.[1]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Joanna Moore nacque a Parrott, in Georgia, il 10 novembre 1934. Figlia di uno scienziato atomico, D. A. Casrrison, e di una insegnante, studiò pianoforte ed altri strumenti musicali durante l'adolescenza oltre a praticare il canto e la pittura.[2] Fece il suo debutto al cinema e in televisione a metà degli anni cinquanta.

Per la TV interpretò, tra gli altri, Peggy 'Peg' McMillan, uno degli interessi amorosi del protagonista Andy Taylor, in quattro episodi della serie The Andy Griffith Show nel 1962. Continuò a collezionare molte altre partecipazioni dagli anni cinquanta agli anni in veste di guest star o di interprete di personaggi perlopiù minori in numerosi episodi, talvolta interpretando più personaggi per serie. Si possono altresì citare due episodi di Route 66, due episodi di Hawaiian Eye, due episodi di Alcoa Premiere, due episodi di The Alfred Hitchcock Hour, tre episodi di Il fuggiasco, quattro episodi di Il virginiano e tre episodi di F.B.I..[3]

La sua carriera per il grande schermo vede diverse partecipazioni; tra i personaggi a cui diede vita si possono citare Penny Spencer in L'assassino sul tetto del 1957, Charlene Carroll in Slim Carter del 1957, Barbara Brooks in Lo strano caso di David Gordon del 1958, Marcia Linnekar in L'infernale Quinlan del 1958, Little Brandy in Il sentiero della rapina del 1958, Madeline Howard in Ricerche diaboliche del 1958, Alice Taggart in Addio dottor Abelman! del 1959, Miss Precious in Anime sporche del 1962, Alisha Claypoole in Lo sceriffo scalzo del 1962, Desiree de la Roche in Professore a tuttogas del 1963, Rita Dillard in Il codice della pistola del 1963, Angie Coe, la ragazza del saloon, in Nevada Smith del 1966, Mickey Stegler in Conto alla rovescia del 1967, Melanie Smooth in L'incredibile furto di Mr. Girasole del 1968, Miriam Wages in J.C. del 1972 e Mrs. Channing in Hindenburg del 1975.[1]

È stata sposata con l'attore Ryan O'Neal dal 1963 al 1967, con il quale ha avuto due figli: gli attori Griffin e Tatum O'Neal. In questo periodo, la Moore cominciò ad abusare di alcol e droghe, in particolare anfetamine. Continuò a recitare, ma la sua depressione peggiorò conn l'imminente divorzio da O'Neal. Nel 1970, Moore fu ricoverata nel Camarillo State Hospital. L'anno successivo venne arrestata per guida in stato di ubriachezza dopo una furibonda lite con O'Neal davanti ai loro figli nella casa di lui a Malibu. Dopo l'arresto, perse la custodia dei figli.[4] Dagli anni 1970, venne sostenuta finanziariamente dalla figlia Tatum, che era intanto diventata un'attrice di successo sin dall'età di 10 anni. I bambini erano ancora sotto la custodia di Ryan O'Neal, e nonostante le cure, Moore continuò ad abusare di droghe e alcol. Come risultato, fu arrestata altre cinque volte durante gli anni 1980.[4]

Nel febbraio del 1975, sposò l'appaltatore Gary L. Reeves da cui poi divorziò nel 1977. Si ritirò dalle scene televisive interpretando Molly in un episodio della serie Poliziotto di quartiere trasmesso nel 1976, mentre per il grande schermo l'ultimo ruolo affidatogli fu quello nel film Run Chrissie Run! del 1986.[3] Morì a Indian Wells, in California, il 22 novembre 1997 e fu seppellita all'Oak Grove Cemetery di Americus, Georgia.[5]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Internet Movie Database, op. cit.
  2. ^ (EN) The Deseret News del 14 ottpbre 1963. URL consultato il 28 dicembre 2013.
  3. ^ a b (EN) IMDb, Ruoli in serie televisive. URL consultato il 10 dicembre 2013.
  4. ^ a b Joanna Moore - The Private Life and Times of Joanna Moore
  5. ^ Find a Grave, op. cit.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29145382