Jägermeister

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una bottiglia di Jägermeister

Jägermeister è un liquore tedesco a base di erbe prodotto in Germania dal 1934 che si inserisce nella tradizione dei liquori digestivi di produzione centro europea come il Gammel Dansk, l’Unicum, il Gorki List o la Becherovka, ma allo stesso tempo se ne allontana per il suo gusto meno amaro e più amabile.

La sua antica formula combina ben 56 varietà di erbe, radici, frutti e spezie macerati in alcol, la sua ricetta è un segreto commerciale dall’anno della sua nascita. Jägermeister si consuma come digestivo, liscio o ghiacciato, ma si presta molto anche alla preparazione di cocktail.

Tormentoni pubblicitari[modifica | modifica wikitesto]

In Italia diventa particolarmente famoso in una serie di spot degli anni settanta ("Con Jägermeister digerisco anche mia suocera...") e in uno spot degli anni novanta in cui il modello Raz Degan dice: "Non bevevo Jägermeister perché... sono fatti miei!".

[modifica | modifica wikitesto]

Opera del pittore Albrecht Dürer, sullo stendardo è riconoscibile lo stemma

Sul bordo della sua etichetta sono stampigliati i versi di Otto von Riesenthal che recitano: "Questo è lo schermo di onor del cacciatore, per proteggere e nutrire il suo gioco, per cacciare nel senso adeguato, per onorare il creatore nella creatura". I versi sono un tributo al nome dell’amaro che significa guardiacaccia: ovvero colui che fa rispettare le regole del gioco.

Il logo è tratto dalla particolare teofania avvenuta nella conversione di Sant'Eustachio rappresentata egregiamente da Pisanello. Durante una battuta di caccia, secondo l'agiografia del santo, ad Eustachio apparve improvvisamente Cristo crocefisso tra le corna del cervo che stava per abbattere (condanna al modo di vivere dissoluto che richiama i versi circostanti).

Jägermeister, la musica e i giovani[modifica | modifica wikitesto]

Jägermeister è un brand che coinvolge soprattutto i giovani, dal celebre Jägermeister Music Tour che si inserisce nella tradizione hard rock iniziata da Sidney Frank al concorso fotografico “almeno 20” che si svolge completamente on line e via smart phone e che prevede la vincita di feste brandizzate per i gruppi di amici più intraprendenti. Jägermeister si apre, inoltre, alle produzioni elettroniche indipendenti attraverso il progetto multimediale Jagermusic che invita i musicisti a creare una traccia e a condividerla sul web per diventare parte della formazione che si svolgerà durante gli JägerMusic – Music Shot events! Con Jägermusic, Jägermeister sostiene apertamente un nuovo capitolo nelle produzioni musicali indipendenti.

L’ultimo spot di Jägermeister, inoltre, come colonna sonora ha scelto “U.K. Girls (Physical)” del duo inglese Goldfrapp. È la cover di Physical, famoso brano di Olivia Newton John del 1981. Il dj svedese Avicii ne dedicò una canzone che si intitola appunto Jägermeister

Cammei[modifica | modifica wikitesto]

  • È stato anche protagonista del testo di un brano musicale del gruppo tedesco Die Toten Hosen intitolato appunto Zehn Kleine Jägermeister (Dieci piccoli Jägermeister). Il brano descrive le peripezie di dieci bottigliette di Jägermeister seguendo una sorta di parodia del racconto Dieci piccoli indiani di Agatha Christie.
  • Il musicista e cantante statunitense Beck ha scritto un pezzo intitolato Jagermeister Pie.
  • Il gruppo rock Inkubus Sukkubus ha dedicato il brano “Jägermeister” all’amaro tedesco.
  • Lo Jägermeister viene citato più volte nei testi del rapper Nitro della Machete Crew,
  • Nel film Una notte da leoni Alan (interpretato da Zach Galifianakis) fa bere ai suoi amici un bicchiere di Jägermeister in cui aveva disciolto del roofis (Flunitrazepam) sul tetto del Caesars Palace.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici