Uberto di Liegi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Uberto
Immagine del santo in una miniatura
Immagine del santo in una miniatura

Vescovo

Nascita Tolosa?, 656
Morte Fura, 30 maggio 727
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 3 novembre
Attributi Cervo che reca tra le corna una croce[1]
Patrono di fonditori, cani, cacciatori

Sant' Uberto, detto "l'apostolo delle Ardenne" (Tolosa ?, 656Fura, 30 maggio 727), apparteneva alla dinastia merovingia: fu vescovo di Maastricht e primo vescovo di Liegi; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primogenito del duca Bertrando di Aquitania e nipote di re Cariberto II, nacque probabilmente a Tolosa attorno al 656 e crebbe a Metz, come conte palatino presso la corte di re Teodorico III di Neustria; con l'avvento al potere da parte di Ebroino si trasferì in Austrasia, dove venne accolto benevolmente da Pipino di Herstal, e nel 692 sposò la figlia del conte di Lovanio da cui ebbe un figlio, Floriberto.

Secondo la tradizione agiografica ispirata alla leggenda di sant'Eustachio, un Venerdì santo, durante una battuta di caccia, avrebbe ricevuto la visione di un crocifisso tra le corna di un cervo che lo avrebbe invitato ad abbandonare la sua vita dissoluta e a convertirsi (l'episodio è alla base dell'iconografia del santo).[2]

Rimasto vedovo si pose sotto la direzione spirituale di san Lamberto di Maastricht, rinunciando ai suoi beni e ai suoi titoli in favore di suo fratello minore Oddone, al quale affidò anche la cura del figlio Floriberto.

Studiò teologia e venne ordinato sacerdote, divenendo il principale assistente di Lamberto al quale nel 706 succedette come vescovo di Maastricht: divenne predicatore e si dedicò all'evangelizzazione delle zone orientali del Belgio (Brabante, Ardenne) e fondò la diocesi di Liegi, di cui divenne il primo vescovo; nella cattedrale che fece costruire nella sua nuova sede episcopale fece anche traslare il corpo di Lamberto.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Alla sua morte venne sepolto nella chiesa di San Pietro, a Liegi, ma nell'825 le sue reliquie vennero traslate nell'abbazia di Andage, nelle Ardenne.

La venerazione come santo ebbe ampia diffusione nel Medioevo, fu invocato contro il morso dei cani e la rabbia, la sua tomba fu meta di numerosi pellegrinaggi.

Festa il 3 novembre (memoria della traslazione delle reliquie).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anche sant'Eustachio è così rappresentato: li si può distinguere poiché Eustachio indossa una veste militare, ancorché talvolta incompleta ((FR) Jacomet Des Graviers, Reconnaître les saints - Symboles et attributs, Massin, 2006. ISBN 2-7072-0471-4)
  2. ^ Il cervo fu rappresentato assai presto nell'iconografia cristiana quale simbolo di Cristo che combatte il demonio, rappresentato dal serpente, a seguito della credenza, alimentata da molti scrittori dell'antichità, che il cervo fosse un avversario implacabile del serpente, cui darebbe la caccia stanandolo ed uccidendolo. (Louis Charbonneau-Lassay, Il bestiario del Cristo, vol II, Ed. Arkeios, Roma, 1995, ISBN 88-86495-02-1, pag. 357 e segg.)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Liegi Successore BishopCoA PioM.svg
San Lamberto
Vescovo di Tongres e Maastricht
670 - 705
706-727 Floreberto I
727 - 746

Controllo di autorità VIAF: 70602369 LCCN: n93045286