Gran Bazar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando uno dei più grandi ed antichi bazar del mondo, vedi Grande Bazar d'Istanbul.
Gran Bazar

Artista Matia Bazar
Tipo album Studio, live
Pubblicazione 1977
Durata 40 min : 03 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Musica leggera
Pop
Etichetta Ariston Records/Oxford, Virgin Dischi, EMI Italiana
Produttore Salvatore Stellita
Paolo Cattaneo (solo B2)
Arrangiamenti Matia Bazar
Formati LP, Cassetta, CD, download digitale
Matia Bazar - cronologia
Album precedente
(1976)
Singoli
  1. Che male fa/Un domani sempre pieno di te
    Pubblicato: 1976
  2. Ma perché?/Se...
    Pubblicato: marzo 1977
  3. Ma perché/Che male fa (Mix 12")
    Pubblicato: 1977
  4. Solo tu/Per un minuto e poi...
    Pubblicato: 1977

Gran Bazar è il secondo album dei Matia Bazar, pubblicato su LP e cassetta dalla Ariston Records (catalogo AR LP 12320 e AR 20320) nel 1977 e nuovamente in vinile dalla Oxford (catalogo OX 3091) nel 1978, anticipato dal singolo Che male fa/Un domani sempre pieno di te (1976)[1][2].

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Raggiunge la 8ª posizione nella classifica italiana degli album più venduti del 1977[3].

Nel 1991 è stato ristampato su CD e rimasterizzato dalla Virgin Dischi (catalogo MPICD 1010 - 777 7 88072 2).

I brani[modifica | modifica sorgente]

  • Gran Bazar
    Esiste anche un singolo promozionale che contiene questo brano dal vivo diviso in due parti.
    Su una base strumentale si inseriscono i vocalizzi di Matia; entrambi richiamano le melodie e i ritornelli di Stasera... che sera, Per un'ora d'amore, Cavallo bianco e Che male fa quasi in un medley.
  • Yesterday
    Cover dal vivo del brano dei Beatles.
  • Noi...
    Versione dal vivo del brano strumentale Io, Matia, al termine del quale Matia presenta il gruppo.
  • La strada del perdono
    Originariamente lato B del singolo d'esordio come solista di Antonella Ruggiero (lato A: Io Matia), inciso dalla cantante nel 1974 con lo pseudonimo Matia.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Gli autori del testo precedono i compositori della musica da cui sono separati con un trattino[4].
Lato A dal vivo, registrato negli studi: Picchio Rosso (Formigine, MO), Picchio (Carpi, MO) e Caravel (MN)[2].

  1. Gran Bazar (live) – 10:03 (Aldo StellitaPiero Cassano, Carlo Marrale)
  2. Yesterday (live) – 4:42 (John Lennon, Paul McCartney)
  3. Noi... (strumentale, live) – 4:38 (Matia Bazar)

Lato B in studio, registrato negli studi Ariston[2].

  1. Che male fa – 3:54 (Aldo Stellita – Piero Cassano, Carlo Marrale)
  2. Per un minuto e poi... – 5:41 (Aldo Stellita – Piero Cassano, Carlo Marrale)
  3. Se... – 3:52 (Aldo Stellita – Piero Cassano, Carlo Marrale)
  4. La strada del perdono – 3:50 (Aldo Stellita – Piero Cassano, Carlo Marrale)
  5. Ma perché[5] – 3:23 (Aldo Stellita – Piero Cassano, Carlo Marrale)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Discografia album, Matia Bazar, sito ufficiale. URL consultato il 16 gennaio 2014.
  2. ^ a b c Matia Bazar: discografia album, Hit Parade Italia. URL consultato il 16 gennaio 2014.
  3. ^ Classifica vendite album 1977, Hit Parade Italia. URL consultato il 16 gennaio 2014.
  4. ^ Autori e compositori in Archivio Opere Musicali, SIAE.
  5. ^ Senza ? finale

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica