Giancarlo Golzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giancarlo Golzi
Nazionalità Italia Italia
Genere Synth pop
Pop
Rock progressivo
Periodo di attività 1971 – in attività
Strumento batteria
Gruppo attuale Matia Bazar, Museo Rosenbach

Giancarlo Golzi (Sanremo, 10 febbraio 1952) è un batterista, musicista e paroliere italiano, tra i membri fondatori del gruppo dei Matia Bazar e del Museo Rosenbach.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Tra i primi componenti del Museo Rosenbach, gruppo musicale dal genere rock progressivo, degli anni settanta, incide con loro l'album Zarathustra, e rimane nel gruppo fino al suo scioglimento nel 1973. Nel corso del 1992, vengono rilasciati Rarities, Live '72 e Rare and Unreleased. Il gruppo si riunirà nel 2000 e vedrà l'incisione dell'album Exit.

Due anni dopo lo scioglimento del gruppo Museo Rosenbach, nel 1975, entra a far parte di una nuova band genovese con Piero Cassano, Carlo Marrale, Aldo Stellita e Antonella Ruggiero che così diventano i Matia Bazar.

Nel 1984 coi Matia Bazar, collabora ai cori del brano Inverno, contenuto nell'album Bandido di Miguel Bosè.

È stato "Direttore artistico" dell'Accademia di Sanremo, dedicata ai giovani che desiderano partecipare al Festival di Sanremo, nella categoria "Nuove proposte".

Nel 2001 collabora insieme a Piero Cassano, alla stesura del brano Anche tu per Jenny B, con il quale partecipa a Sanremo nello stesso anno[1].

Nel 2003 gli viene affidata la direzione artistica[2] e l'adattamento dei testi in italiano[3], del musical italo-francese I dieci comandamenti, diretto da Elie Chouraqui e prodotto da Guido e Maurizio De Angelis, con il quale ottiene il Premio di Lamezia Terme come miglior paroliere.

Tra il 2012 e il 2013, insieme a Stefano Galifi e Albero Moreno, decide di risuonare Zarathustra. Giancarlo Golzi ritorna al passato prog e, con una nuova formazione di sette componenti, registra Zarathustra Live in Studio e incide il nuovo album in studio con il Museo Rosenbach: Barbarica.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con il Museo Rosenbach[modifica | modifica wikitesto]

Album

Con i Matia Bazar[modifica | modifica wikitesto]

Album

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jenny B: Pop. URL consultato il 26-08-2010.
  2. ^ Melody Castellari, Capitolo 1: i Dieci Comandamenti - i Provini, 04 dicembre 2008. URL consultato il 26-08-2010.
  3. ^ I Dieci Comandamenti. URL consultato il 26-08-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]