Francesco Mancini (pittore 1679-1758)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Mancini (Sant'Angelo in Vado, 24 aprile 1679Roma, agosto 1758) è stato un pittore italiano barocco e rococò.

Francesco Mancini, Riposo durante la fuga in Egitto, Musei Vaticani [1]
Francesco Mancini, Lotta fra Amore e Pan, Musei Vaticani

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fu allievo di Carlo Cignani[1] a Forlì e a Bologna e fu quindi introdotto alla scuola forlivese e alla pittura accademica sulle orme dei Carracci; echi di questa pittura si possono trovare nelle opere giovanili: gli affreschi della Libreria, ossia l'aula magna, della Biblioteca Classense di Ravenna e quelli nella Cattedrale di San Feliciano a Foligno[2]. A Forlì, di suo rimane L’allegoria del tempo e delle stagioni, nel Palazzo Reggiani.

Si trasferì, con la raccomandazione del pittore Marcantonio Franceschini viceprincipe dell'Accademia Clementina di Bologna, a Roma dove entrò in contatto col suo conterraneo Carlo Maratta; il contatto con l'opera più matura del Maratta, e degli allievi del Maratta, rappresentò una svolta nella sua pittura. Inoltre, collaborò alle opere del Palazzo Convento di Marfra ed alla cattedrale di Evero grazie all'amico Agostino Masucci. Sono di questo periodo gli affreschi nel Palazzo del Quirinale, quelli nella Chiesa Nuova dei Filippini di Perugia (1730), quelli nella Chiesa di Santa Maria della Misericordia a Macerata (1736), a Sant'Angelo in Vado, Forlì e Rimini. Francesco Mancini venne stimato dai contemporanei come uno dei migliori pittori della sua epoca; venivano apprezzati soprattutto i toni chiari e luminosi delle sue pitture. Fu accolto fra i membri dell'Accademia di Francia a Roma (1732), all'Accademia dei Virtuosi al Pantheon di Roma (fra il 1743 e il 1745) e all'Accademia di San Luca (1750-51)[3].

Fra i suoi allievi vi furono Sebastiano Ceccarini, Domenico Corvi, Niccolò Lapiccola di Crotone[4] e il canonico Giovanni Andrea Lazzarini[5].

Sua figlia Faustina sposa nel 1729 lo scultore Pietro Bracci.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Nascita della vergine, Napoli, Collezione Molaro
  • Addolorata, Pinacoteca di Fano
  • Dominique quo vadis?, Pinacoteca Comunale di Città di Castello
  • Apparizione di Gesù Cristo a San Pietro, Roma, Palazzo del Quirinale
  • Cristo in Gloria con i Santi Clemente e Ignazio d'Antiochia, Urbino, Galleria Nazionale delle Marche [2]
  • Estasi di Santa Teresa, Roma, Chiesa di Santa Maria della Scala
  • La Castità che fustiga Amore, Roma, Palazzo del Quirinale
  • La Concezione, Roma, Chiesa di San Gregorio al Celio
  • Lotta fra Amore e Pan, Roma, Pinacoteca Vaticana, Sala XV, inventario 40748
  • Riposo durante la fuga in Egitto, Roma, Pinacoteca Vaticana, Sala XV, inventario 40398
  • Sacra Famiglia, Roma, Palazzo del Quirinale
  • San Damiano, Roma, Chiesa di San Gregorio al Celio
  • San Francesco in preghiera, Pinacoteca di Fano [3]
  • San Francesco di Paola, Sant'Angelo in Vado, Chiesa di Santa Maria dei Servi
  • San Giovanni Battista, Pinacoteca di Fano [4]
  • San Nicola da Tolentino, Sant'Angelo in Vado, Chiesa di Santa Maria dei Servi
  • San Pietro e San Giovanni che guariscono uno storpio, Roma, Palazzo del Quirinale
  • Sant'Agnese, Pinacoteca di Ancona
  • Storie di Amore e Psiche, Roma, Palazzo Colonna
  • Transito di San Giuseppe, Pinacoteca di Fano [5]
  • Via Crucis, Pioraco, Chiesa di San Francesco
  • Vergine Addolorata, Urbino, Galleria Nazionale delle Marche [6]
  • Assunzione della Vergine, Convento Reale di Mafra - Portogallo
  • L’allegoria del tempo e delle stagioni, Forlì, Palazzo Reggiani

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Accademia nazionale di San Luca, Memorie per servire alla storia della Romana Accademia di S. Luca fino alla morte di Antonio Canova, compilate da Melchior Missirini. Roma: Stamperia De Romanis, 1823, p. 227-8 (on-line)
  • Amico Ricci, Memorie storiche delle arti e degli artisti della Marca di Ancona, del marchese Amico Ricci. Macerata: Tipografia di Alessandro Mancini, 1834, vol. I, pp. 415-117 (on-line)
  • Andrea Carnevali, "La cultura figurativa romana in Portogallo: Francesco Mancini a Mafra ed a Evora" in Lingue & Lingue e culture moderne, Edizioni Led, 2013, pp. 61-82.
  • "MANCINI (Francesco)" in Carlo Antonio Vanzon (ed.), Dizionario universale della lingua italiana ed insieme di geografia, ecc, preceduto da una esposizione grammaticale ragionata della lingua italiana, Livorno: dalla Stamperia di Paolo Vannini, 1836, Tomo IV (M-N-O), p. 91 (on-line)
  • Hermann Voss, Die Malerei des Barock in Rom. Berlin: im Propylaen Verlag, 1924.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Lione Pascoli, Vite de' pittori, scultori, ed architetti moderni. Roma, De Rossi, 1736, Vol. II, pp. 171-2 (on-line).
  2. ^ Enrico Filippini, Gli affreschi del Mancini nel Duomo di Foligno. Perugia : Unione tipografica Cooperativa, 1917; Estr. da Archivio per la storia ecclesiastica dell'Umbria, v. III, Foligno, 1916.
  3. ^ Annuario dell'Accademia Nazionale di San Luca, Roma, 2004 p. 121 (on-line)
  4. ^ «LAPICCOLA, NICCOLO», in Shearjashub Spooner (ed), A Biographical History of the Fine Arts: Being Memoirs of the Lives and Works of Eminent Painters, Engravers, Sculptors, and Architects. From the Earliest Ages to the Present Time. Alphabetically Arranged, and Condensed from the Best Authorities. New York : J. W. Bouton, 1865, vol. I, pp. 456 (on-line)
  5. ^ «LAZZARINI, CANON GIO. ANDREA» in Shearjashub Spooner (ed), A Biographical History op. cit., vol. I, pp. 462-3 (on-line)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 120785864 LCCN: n2002013933 SBN: IT\ICCU\RAVV\400964