Ferrovia Cumana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ferrovia Cumana
Mappa ferrovia Cumana.png
Inizio Napoli
Fine Torregaveta
Stati attraversati Italia Italia
Lunghezza 19,81[1] km
Apertura 1889-90
Gestore EAV
Precedenti gestori SEPSA
SFN
Scartamento 1435 mm
Elettrificazione 3400 V cc[1]
Ferrovie

La ferrovia Cumana è una linea ferroviaria che collega il centro di Napoli con Pozzuoli e la costa flegrea fino a giungere a Torregaveta, frazione di Bacoli.

La linea, di proprietà della Regione Campania, è affidata all'Ente Autonomo Volturno (EAV) che vi opera in qualità sia di gestore dell'infrastruttura sia di impresa ferroviaria.

I capolinea di Montesanto e Torregaveta sono in comune con la ferrovia Circumflegrea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tratta Inaugurazione[2]
NapoliTerme Patamia 1º luglio 1889
Terme Patamia–Pozzuoli 15 dicembre 1889
Pozzuoli–Cuma 16 febbraio 1890
Cuma–Torregaveta 12 luglio 1890

Nel 1883 nasce a Roma la "Società per le Ferrovie Napoletane". A questa società sarà affidato il compito di costruire e gestire la Ferrovia Cumana, ovvero una ferrovia economica che da Napoli arrivi sino a Torregaveta passando per Pozzuoli e Cuma. La linea, pur essendo in funzione fin dal 1889, tuttavia fu inaugurata ufficialmente solo il 1º giugno 1892.

Nel 1938 subentrò alla precedente società la "Società per l'Esercizio di Pubblici Servizi Anonima", la SEPSA, la quale iniziò importanti lavori per il potenziamento ed ammodernamento della linea, come l'interramento del tratto di Fuorigrotta fino alla stazione Mostra.


Nel 1990 è stato inaugurato, nel quartiere di Fuorigrotta, il fabbricato della Direzione dell'Esercizio Ferrovie, dotato di una rimessa per operazioni di piccola manutenzione dei rotabili ferroviari.

Nel corso del 2005 si è dato inizio ai lavori di rifacimento della stazione terminale di Montesanto, capolinea delle due linee ferroviarie esercite da SEPSA e della funicolare di Montesanto, nonché vicina alla fermata della linea 2 della metropolitana. I lavori sono stati terminati ufficialmente nel maggio 2008.

Negli ultimi anni le ferrovie Cumana e Circumflegrea, come gran parte del trasporto pubblico meridionale, hanno presentato pesanti disservizi[3][4][5][6] anche a causa del taglio del trasferimento di fondi pubblici agli enti locali che non permette di ammodernare i vetusti treni, in parte risalenti ai primi anni '60.

Elettrotreni[modifica | modifica wikitesto]

Il parco della ferrovia è costituito dagli elettrotreni ET 100 del 1961 ed ET 300 del 1976 realizzati dalla Sofer di Pozzuoli oltre agli ET 400 del 1991 realizzati dalla Firema di Caserta. Questi ultimi risultavano in fase di revisione: il primo treno ristrutturato entrò in funzione il 21 dicembre 2013[7][8].

Il raddoppio della linea[modifica | modifica wikitesto]

Per la crescente domanda di trasporto si è reso indispensabile il raddoppio del tracciato della linea; i lavori incominciarono nel 1975 e sono ad oggi parzialmente realizzati.

La parte del raddoppio attualmente realizzata riguarda le tratte Montesanto - Bagnoli (km 8,450) e Arco Felice - Torregaveta (km 5,900). Inoltre è in fase di avanzata realizzazione il raddoppio della tratta Bagnoli - Arco Felice (km 5,650). Da alcuni anni le stazioni Dazio e Gerolomini sono collegate tramite un'unica galleria, dismettendo il vecchio percorso che vedeva le due stazioni già da tempo disabilitate di Terme Patamia e La Pietra; nei pressi di quest'ultima stazione è stato costruito all'interno della roccia un passaggio che conduce ad un posto di movimento sito all'interno della galleria. Nonostante la presenza del binario doppio, tuttavia, il tunnel è ancora percorso parzialmente su singolo binario, così come è unico il binario che collega il tunnel con la fermata dei Gerolomini.

Da qualche anno è entrata in esercizio la nuova galleria che collega le stazioni di Lucrino e Fusaro, rendendo necessaria la dismissione della stazione di Baia sul vecchio tracciato.

Prima del 2000 è stato completato il tunnel che consentirebbe il raddoppio dei binari nella tratta da Gerolomini a Pozzuoli, saltando l'attuale fermata dei Cappuccini. I lavori, che richiederebbero lo spostamento della fermata di Pozzuoli nella località Vallone Mandria, sono però fermi da oltre un decennio[9].

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

L'orario ufficiale prevede corse con cadenzate ogni 20 minuti[10] e con esercizio che parte alle ore 5:00 e termina alle ore 22:35 (ma le prime e ultime partenze hanno limitazioni di percorso). Fino al 2011 la tratta Montesanto - Bagnoli era servita ogni 10 minuti, ma le corse furono poi dimezzate a seguito del progressivo peggioramento della situazione economica della SEPSA[11], poi EAV. Il servizio non è peraltro esente da ritardi, soppressioni di corse o interruzioni del servizio che causano talvolta polemiche sulla stampa locale[12][13][14].

A titolo di esempio l'orario di esercizio della Cumana del 4 luglio 1903[15] prevedeva corse con cadenza che andava dai 32 minuti ad 1:18 a seconda della fascia oraria, con frequenza ancora minore delle corse nel tratto Pozzuoli-Torregaveta per il quale erano previste solo 9 corse al giorno (più altrettante per il ritorno) di cui solo 6 effettuavano tutte le fermate. Alcuni treni all'epoca erano definiti "facoltativi" e avrebbero potuto "essere effettuati o soppressi dietro semplice avviso della Direzione dell'Esercizio per parte o per l'intero percorso". L'orario di esercizio partiva alle ore 4:46 e terminava alle ore 21:28 (22.37 nei giorni festivi).

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
BSicon tKBHFa.svg Montesanto
Unknown route-map component "tCONTr" Unknown route-map component "tABZrf"
ferrovia Circumflegrea
BSicon tSTRe.svg
BSicon HST.svg Corso Vittorio Emanuele
BSicon TUNNEL1.svg
Non-passenger head station Straight track
officina
Track turning left Junction from right
BSicon tSTRa.svg
BSicon tHST.svg Fuorigrotta
BSicon tHST.svg Mostra
BSicon tSTRe.svg
BSicon HST.svg Zoo-Edenlandia
Straight track Track turning from left Continuation to right
linea RFI per Napoli Gianturco
Junction from left Junction to right
raccordo SEPSA-RFI
Continuation to left Unknown route-map component "KRZu" Track turning right
linea RFI per Villa Literno
BSicon HST.svg Agnano
BSicon HST.svg Bagnoli
BSicon HST.svg Dazio
BSicon HST.svg Gerolomini fine doppio binario
BSicon HST.svg Cappuccini
BSicon BHF.svg Pozzuoli
BSicon HST.svg Pozzuoli Cantieri
BSicon HST.svg Arco Felice inizio doppio binario
BSicon HST.svg Lucrino
BSicon HST.svg Fusaro
Continuation to left Junction from right
ferrovia Circumflegrea
BSicon KBHFe.svg Torregaveta
Tunnel della stazione di Montesanto. Sotto quello di sinistra passa la Cumana, sotto quello di destra la Circumflegrea.

La ferrovia segue un tracciato costiero di circa 20 km ed unisce il popoloso quartiere di Montecalvario, ovvero il centro urbano della città di Napoli, con la località di Torregaveta nel comune di Bacoli: la linea partendo appunto da Montesanto attraversa il tessuto urbano della città di Napoli con le stazioni di Corso Vittorio Emanuele, Fuorigrotta, Mostra, Bagnoli ed inoltre passa per i popolosi centri di Pozzuoli, Arco Felice, Lucrino, Fusaro fino al capolinea di Torregaveta. Un binario, utilizzato solo occasionalmente per servizio, connette la ferrovia Cumana con i binari dell'attuale Linea 2 attraversando via Diocleziano a Napoli.


Galleria fotografica: costruzione della Cumana nel 1888[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Carta della Mobilità SEPSA 2010
  2. ^ Prospetto cronologico dei tratti di ferrovia aperti all'esercizio dal 1839 al 31 dicembre 1926
  3. ^ "Basta disservizi e treni ogni 50 minuti", da Cronaca flegrea (26 giugno 2013)
  4. ^ Disservizi, il sindaco Iannuzzi chiede un incontro urgente, Monte di Procida news (27 aprile 2012)
  5. ^ Disservizi e treni pericolosi, ecco la Cumana, Fanpage (4 dicembre 2012)
  6. ^ Stop Cumana, bagnanti fermi nei vagoni, intervengono i carabinieri, Freebacoli (26 luglio 2013)
  7. ^ Nuovo treno per la Cumana e ripristino della tratta completa
  8. ^ Arriva la nuova cumana, pendolari entusiasti: "È il regalo di Babbo Natale"
  9. ^ Cumana, gli interventi sono previsti ma non vengono eseguiti, Cronaca Flegrea, 26-10-2012.
  10. ^ Orario della Cumana ufficiale in vigore dal 12/09/2011.
  11. ^ Protesta contro i tagli alle corse bloccato treno della Cumana La Repubblica (20 settembre 2011)
  12. ^ Napoli. Caos Cumana e Circumflegrea: treni in ritardo e vagoni affollatissimi, 5/11/2013
  13. ^ Cumana, i treni partono solo ogni 40 minuti: “Ci abituano allo sfascio”, 27/11/2013
  14. ^ Caos trasporti, fermi tutti i treni della Cumana: ritardi sulla Circumflegrea, 2/6/2014
  15. ^ Ferrovia Cumana, Orario del 4 Luglio 1903, Napoli, St. Civelli. Riproduzione grafica in una nota facebook da una vendita sul sito eBay.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trasporti