Febbre emorragica venezuelana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Febbre emorragica venezuelana
Malattia rara
Eziologia Arenavirus
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 078.7
ICD-10 (EN) A96.1

La Febbre emorragica venezuelana (VHF) è una zoonosi determinata dal virus Guanarito scoperta la prima volta nel 1989 come malattia umana. La malattia è diffusa solo in alcune aree rurali del Venezuela centrale,[1] coinvolgendo la prima volta alcuni agricoltori maschi,[2] ed è causata dal virus Guanarito (GTOV) un arenavirus[3] appartenente alla famiglia degli Arenaviridae (virus a RNA a singolo filamento negativo).

Il topo (Zygodontomys brevicauda o topo dalla coda corta) è l'ospite principale del virus Guaranito[4] . L'infezione si sviluppa prevalentemente per inalazione di goccioline aerosol di saliva, secrezioni respiratorie, urine, sangue dei roditori infetti.[5]

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione interumana è possibile, ma non comune. I principali sintomi presentati dai pazienti con VHF sono: febbre, malessere generale, cefalea, artralgia e mialgia, mal di testa, bradicardia relativa, mal di gola, vomito, dolore addominale, diarrea, convulsioni, e una varietà di manifestazioni emorragiche; inoltre, in quasi tutti i pazienti ammalati è presente anche leucopenia e trombocitopenia. Il tasso di mortalità in uno studio prodotto nel 1998 è stato del 33,3%.[6]

I sintomi clinici della malattia sono simili a quelle di altre infezioni virali responsabili di febbre emorragica quali: il virus Junin, il virus Machupo,[7] il virus Lassa, il Lujo virus, il virus Sabia ed il Whitewater Arroyo virus[8] ed altri.[9]

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La febbre emorragica venezuelana può essere trattata con la ribavirina un farmaco antivirale somministrato per via endovenosa;[10] non esistono vaccini in grado di prevenire la malattia anche se sono in corso esperienze con vaccini aDNA.[11]

Arma biologica[modifica | modifica wikitesto]

Il virus Guanarito è stato incluso dal CDC tra gli agenti virali che sono stati classificati come potenziale arma di distruzione di massa o agenti per il terrorismo biologico.[12] Sono in corso ricerche per lo sviluppo di vaccini a DNA di biodifesa contro diversi agenti patogeni rilevanti causa di febbre emorragica.[7]

In data 27 marzo 2013 si è diffusa la notizia di cronaca che una provetta con il virus Guaranito è scomparsa dal laboratorio di Galveston National Laboratory dell'University of Texas Medical Branch a Galveston, Texas, USA; Laboratorio di Alta Sicurezza di livello BSL-4 (BioSafety Level 4) o laboratorio P4.[13][8] Sembra esclusa la possibilità che si tratti di un evento criminale, quanto piuttosto di un banale episodio di smarrimento.[14][15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SC. Weaver, RA. Salas; N. de Manzione; CF. Fulhorst; G. Duno; A. Utrera; JN. Mills; TG. Ksiazek; D. Tovar; RB. Tesh, Guanarito virus (Arenaviridae) isolates from endemic and outlying localities in Venezuela: sequence comparisons among and within strains isolated from Venezuelan hemorrhagic fever patients and rodents. in Virology, vol. 266, nº 1, gennaio 2000, pp. 189-95, DOI:10.1006/viro.1999.0067, PMID 10612673.
  2. ^ Colin R. Howard, Viral Hemorrhagic Fevers, Gulf Professional Publishing, 2005, pp. 89–, ISBN 978-0-444-50660-3. URL consultato il 27 marzo 2013.
  3. ^ Arenaviruses. URL consultato il 28 marzo 2013.
  4. ^ R. Salas, N. de Manzione; RB. Tesh; R. Rico-Hesse; RE. Shope; A. Betancourt; O. Godoy; R. Bruzual; ME. Pacheco; B. Ramos, Venezuelan haemorrhagic fever. in Lancet, vol. 338, nº 8774, ottobre 1991, pp. 1033-6, PMID 1681354.
  5. ^ ML. Milazzo, MN. Cajimat; G. Duno; F. Duno; A. Utrera; CF. Fulhorst, Transmission of Guanarito and Pirital viruses among wild rodents, Venezuela. in Emerg Infect Dis, vol. 17, nº 12, dicembre 2011, pp. 2209-15, DOI:10.3201/eid1712.110393, PMID 22172205.
  6. ^ N. de Manzione, RA. Salas; H. Paredes; O. Godoy; L. Rojas; F. Araoz; CF. Fulhorst; TG. Ksiazek; JN. Mills; BA. Ellis; CJ. Peters, Venezuelan hemorrhagic fever: clinical and epidemiological studies of 165 cases. in Clin Infect Dis, vol. 26, nº 2, febbraio 1998, pp. 308-13, PMID 9502447.
  7. ^ a b B. Vainrub, R. Salas, Latin American hemorrhagic fever. in Infect Dis Clin North Am, vol. 8, nº 1, marzo 1994, pp. 47-59, PMID 8021448.
  8. ^ a b Il virus Guanarito e il caso della provetta scomparsa - Francesco Spinazzola - Il Fatto Quotidiano. URL consultato il 27 marzo 2013.
  9. ^ Brian W.J. Mahy e Marc H.V. van Regenmortel, Desk Encyclopedia of Human and Medical Virology, Academic Press, 21 maggio 2010, pp. 420–, ISBN 978-0-12-378559-6. URL consultato il 27 marzo 2013.
  10. ^ JW. Huggins, RK. Robins; PG. Canonico, Synergistic antiviral effects of ribavirin and the C-nucleoside analogs tiazofurin and selenazofurin against togaviruses, bunyaviruses, and arenaviruses. in Antimicrob Agents Chemother, vol. 26, nº 4, ottobre 1984, pp. 476-80, PMID 6151377.
  11. ^ LC. Dupuy, CS. Schmaljohn, DNA vaccines for biodefense. in Expert Rev Vaccines, vol. 8, nº 12, dicembre 2009, pp. 1739-54, DOI:10.1586/erv.09.132, PMID 19943766.
  12. ^ MS. Bronze, MM. Huycke; LJ. Machado; GW. Voskuhl; RA. Greenfield, Viral agents as biological weapons and agents of bioterrorism. in Am J Med Sci, vol. 323, nº 6, giugno 2002, pp. 316-25, PMID 12074486.
  13. ^ Disease Information. URL consultato il 28 marzo 2013.
  14. ^ http://www.corriere.it/esteri/13_marzo_26/virus-letale-fiala-pericolo-usa_0d028d4a-965d-11e2-9784-de425c5dfce0.shtml. URL consultato il 27 marzo 2013.
  15. ^ Virus letale: scomparsa fiala negli Stati Uniti. URL consultato il 27 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • CF. Fulhorst, TG. Ksiazek; CJ. Peters; RB. Tesh, Experimental infection of the cane mouse Zygodontomys brevicauda (family Muridae) with guanarito virus (Arenaviridae), the etiologic agent of Venezuelan hemorrhagic fever. in J Infect Dis, vol. 180, nº 4, ottobre 1999, pp. 966-9, DOI:10.1086/315029, PMID 10479119.
  • SC. Weaver, AD. Barrett, Transmission cycles, host range, evolution and emergence of arboviral disease. in Nat Rev Microbiol, vol. 2, nº 10, ottobre 2004, pp. 789-801, DOI:10.1038/nrmicro1006, PMID 15378043.
  • NY. Uzcategui, D. Camacho; G. Comach; R. Cuello de Uzcategui; EC. Holmes; EA. Gould, Molecular epidemiology of dengue type 2 virus in Venezuela: evidence for in situ virus evolution and recombination. in J Gen Virol, vol. 82, Pt 12, dicembre 2001, pp. 2945-53, PMID 11714970.
  • ML. Milazzo, MN. Cajimat; G. Duno; F. Duno; A. Utrera; CF. Fulhorst, Transmission of Guanarito and Pirital viruses among wild rodents, Venezuela. in Emerg Infect Dis, vol. 17, nº 12, dicembre 2011, pp. 2209-15, DOI:10.3201/eid1712.110393, PMID 22172205.
  • JM. Rojek, AM. Lee; N. Nguyen; CF. Spiropoulou; S. Kunz, Site 1 protease is required for proteolytic processing of the glycoproteins of the South American hemorrhagic fever viruses Junin, Machupo, and Guanarito. in J Virol, vol. 82, nº 12, giugno 2008, pp. 6045-51, DOI:10.1128/JVI.02392-07, PMID 18400865.
  • SR. Radoshitzky, JH. Kuhn; CF. Spiropoulou; CG. Albariño; DP. Nguyen; J. Salazar-Bravo; T. Dorfman; AS. Lee; E. Wang; SR. Ross; H. Choe, Receptor determinants of zoonotic transmission of New World hemorrhagic fever arenaviruses. in Proc Natl Acad Sci U S A, vol. 105, nº 7, febbraio 2008, pp. 2664-9, DOI:10.1073/pnas.0709254105, PMID 18268337.
  • HH. Bui, J. Botten; N. Fusseder; V. Pasquetto; B. Mothe; MJ. Buchmeier; A. Sette, Protein sequence database for pathogenic arenaviruses. in Immunome Res, vol. 3, 2007, p. 1, DOI:10.1186/1745-7580-3-1, PMID 17288609.
  • CF. Fulhorst, MD. Bowen; RA. Salas; G. Duno; A. Utrera; TG. Ksiazek; NM. De Manzione; E. De Miller; C. Vasquez; CJ. Peters; RB. Tesh, Natural rodent host associations of Guanarito and pirital viruses (Family Arenaviridae) in central Venezuela. in Am J Trop Med Hyg, vol. 61, nº 2, agosto 1999, pp. 325-30, PMID 10463688.
  • SC. Weaver, Host range, amplification and arboviral disease emergence. in Arch Virol Suppl, nº 19, 2005, pp. 33-44, PMID 16358422.
  • M. Rosenbloom, JB. Leikin; SN. Vogel; ZA. Chaudry, Biological and chemical agents: a brief synopsis. in Am J Ther, vol. 9, nº 1, pp. 5-14, PMID 11782813.
  • IM. Parsonson, AJ. Della-Porta; WA. Snowdon, Developmental disorders of the fetus in some arthropod-borne virus infections. in Am J Trop Med Hyg, vol. 30, nº 3, maggio 1981, pp. 660-73, PMID 6266262.
  • LC. Dupuy, CS. Schmaljohn, DNA vaccines for biodefense. in Expert Rev Vaccines, vol. 8, nº 12, dicembre 2009, pp. 1739-54, DOI:10.1586/erv.09.132, PMID 19943766.
  • KE. Steele, DA. Alves; JL. Chapman, Challenges in biodefense research and the role of US Army veterinary pathologists. in US Army Med Dep J, pp. 28-37, PMID 20088227.

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]