Croce pettorale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cardinale Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don con la croce pettorale sopra l'abito corale sorretta dal cordone oro e rosso.

La croce pettorale è, insieme al pastorale, alla mitria e all'anello, una delle insegne episcopali; essa viene indossata dal papa, dai cardinali, dagli arcivescovi e vescovi, dagli abati e da alcuni prelati e canonici.[1]

La croce pettorale, come spiegato da papa Benedetto XVI, oltre a denotare la dignità di chi la porta, non avrebbe valenza né di ornamento, né di gioiello, ma di simbolo prezioso della fede e segno visibile e materiale del legame con Cristo»[2].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

È una croce solitamente in metallo prezioso, a volte anche gemmata, e all'incrocio dei bracci può presentare una cavità nella quale si inseriscono le reliquie dei santi o dei frammenti della Vera Croce.

Essa può essere sorretta sia da una catena in metallo, sia da un cordone; quest'ultimo, in base alla dignità di chi indossa la croce, assume differenti colorazioni:

In virtù delle norme del Caeremoniale Episcoporum promulgato da papa Giovanni Paolo II nel 1984, il cordone deve essere usato sopra l'abito corale e la catena con l'abito talare semplice o piano; inoltre, nel rito romano la croce pettorale va portata, durante le celebrazioni, sotto la casula o pianeta (e la dalmatica).[3] Nel rito ambrosiano, invece, la croce pettorale viene indossata sopra la dalmatica, o semplicemente il camice, e fatta uscire dallo scollo della casula o della pianeta.[4]

La congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, accogliendo vari responsa, nel 1997 ha acconsentito all'uso ambrosiano di indossare la croce sopra i paramenti anche nel rito romano[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CE, n° 57.
  2. ^ Saluto ai giovani sul sagrato della cattedrale di Notre-Dame di Parigi - Traduzione in lingua italiana, press.vatican.va, 12 settembre 2008. URL consultato il 24 novembre 2014.
  3. ^ CE, n° 61.
  4. ^ Croci pettorali, pietrobon.it. URL consultato il 24 novembre 2014.
  5. ^ Notitiae - Luogo dell'annuncio della parola di Dio e croce pettorale del vescovo, notitiae.ipsissima-verba.org. URL consultato il 24 novembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (LA) Cæremoniale Episcoporum, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 1984, ISBN non esistente.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo