Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Ranjith.jpg
Coat of arms of Malcolm Ranjith.svg
Verbum caro factum est
Titolo Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina
Incarichi attuali Arcivescovo di Colombo
Presidente della Conferenza Episcopale Singalese
Incarichi ricoperti vescovo di Ratnapura
Nunzio apostolico per l'Indonesia
Nunzio apostolico per Timor Est
Segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti
Nato 15 ottobre 1947 (67 anni) a Polgahawela (Sri Lanka)
Ordinato presbitero 29 giugno 1975 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo 31 agosto 1991 a Roma dall'arcivescovo Nicholas Marcus Fernando
Elevato arcivescovo 1º ottobre 2001
Creato cardinale 20 novembre 2010 da papa Benedetto XVI

Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don (Polgahawela, 15 novembre 1947) è un cardinale e arcivescovo cattolico singalese, dal 16 giugno 2009 14º arcivescovo metropolita di Colombo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia cattolica e primo di quattordici figli, studia in una scuola dei Fratelli delle scuole cristiane di La Salle. Dal 1966 al 1970 frequanta il seminario maggiore di Kandy. Successivamente, grazie all'intervento del cardinale Thomas Benjamin Cooray a Roma, dove ottiene il baccellierato in teologia presso la Pontificia Università Urbaniana.

Il 29 giugno 1975 è ordinato sacerdote da papa Paolo VI presso la Basilica di San Pietro. Continua gli studi nell'Urbe presso il Pontificio Istituto Biblico, allievo dei futuri cardinali Carlo Maria Martini e Albert Vanhoye, dove ha ottiene la licenza in Sacra Scrittura nel 1978, con tesi sulla Lettera agli Ebrei di san Paolo (con relatore lo stesso Vanhoye)[1]. Nello stesso anno fa ritorno in Sri Lanka, dove insegna presso il St. Thomas' College di Kotte[2].

Noto poliglotta, parla fluentemente oltre la lingua madre singalese, il tamil, il greco, il latino, l'ebraico, l'italiano, l'inglese, il francese, il tedesco e lo spagnolo.

Ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Al suo ritorno in Sri Lanka diviene viceparroco a Pamunugama, quindi parroco a Payagala e Kalutara. Si tratta di villaggi di poveri pescatori, che lo ha portato ad adottare iniziative in favore della giustizia sociale. In seguito affermerà l'amore per la liturgia e l'amore per i poveri [...] sono stati la bussola della mia vita di sacerdote.

Nel 1983 è nominato Direttore nazionale delle Pontificie Opere Missionarie. Ha rivitalizzato l'Opera della Santa Infanzia e, come coordinatore diocesano per lo sviluppo umano, ha introdotto iniziative coraggiose in settori quali l'edilizia, la pesca e vari progetti di lavoro autonomo.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Vescovo ausiliare di Colombo[modifica | modifica wikitesto]

Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don è nominato vescovo ausiliare di Colombo il 17 giugno 1991 e gli viene assegnata la sede titolare di Cabarsussi. Fu ordinato vescovo il 31 agosto 1991 dall'arcivescovo di Colombo Nicholas Marcus Fernando, co-consacranti i vescovi Thomas Savundaranayagam e Oswald Gomis. Diviene vicario generale incaricato della pastorale parrocchiale e dell'apostolato dei laici tra il 1991 e il 1995. È quindi presidente di comitati organizzatori per la beatificazione del venerabile Joseph Vaz e della visita di papa Giovanni Paolo II in Sri Lanka nel gennaio 1995.

Vescovo di Ratnapura[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 novembre 1995 diviene vescovo della nuova diocesi di Ratnapura, situata all'interno del Paese con appena il due per cento di cattolici e a maggioranza buddista[3]. Prende possesso della cattedrale cittadina il successivo 18 dicembre. Lo stesso anno è nominato anche segretario generale della Conferenza episcopale di Sri Lanka e presidente della commissione episcopale per la giustizia e la pace. Mantiene la carica fino al 1º ottobre 2001 quando viene richiamato a Roma.

Curia romana[modifica | modifica wikitesto]

Nominato segretario aggiunto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli e, in pari tempo, elevato alla dignità arcivescovile, è il primo vescovo cingalese ad essere chiamato a servizio della Curia romana. Assume anche l'incarico di presidente delle Pontificie Opere Missionarie, organismo preposto al coordinamento degli sforzi missionari della Chiesa per la crescita delle Chiese locali nei paesi di missione.

Nunzio apostolico[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 aprile 2004 viene nominato nunzio apostolico in Indonesia e Timor Est e gli fu assegnato il titolo arcivescovile di Umbriatico. Anche in questo caso, si tratta del primo cingalese ad ottenere questo importante incarico, nonché tra i pochi a non provenire dal consueto cursus di studi e di carriera che si addice normalmente ai diplomatici della Santa Sede.

In questa veste, è stato determinante nel migliorare le relazioni reciproche tra la Santa Sede e l'Indonesia, tradizionalmente non così amichevoli.

L'arcivescovo Patabendige Don.

Ritorno in Curia romana[modifica | modifica wikitesto]

Dal 10 dicembre 2005 è nominato segretario della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti. In tale veste, si è più volte distinto per le sue prese di posizione vicine all'ambito tradizionalista. Per fornire alcuni esempi, sull'uso della lingia latina ha affermato: Pur lodando l'uso delle lingue vernacolari, ha criticato il totale abbandono della lingua latina e l'accettazione di tutti i tipi di "novità" derivanti da una secolarizzazione e antropocentrismo teologico e liturgico tipico della mentalità dell'Occidente. Ancora, sull'uso di consegnare la Comunione nella mano e in piedi: Credo che sia giunto il momento di [...] abbandonare la pratica attuale che non è stata richiesta dalla Sacrosanctum Concilium, né dai Padri conciliari, ma è stata accettata solo dopo la sua illegittima introduzione in alcuni paesi[4]. È un convinto sostenitore della Messa tridentina.

Arcivescovo di Colombo e cardinale[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 giugno 2009 papa Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo metropolita di Colombo. Il successivo 29 giugno riceve a Roma il pallio di metropolita. Al ritorno in patria è stato accolto con grande solennità persino dal Presidente della Repubblica Mahinda Rajapaksa. La presa di possesso della Diocesi è stata il 5 agosto con una cerimonia privata, mentre la prima messa solenne per l'inizio del suo ministero episcopale l'ha celebrata l'8 agosto.

Dall'aprile 2010 è presidente della Conferenza Episcopale Singalese.

Benedetto XVI lo ha elevato al rango di cardinale con il titolo presbiterale di San Lorenzo in Lucina nel concistoro del 20 novembre 2010. Prende possesso della chiesa titolare il 13 febbraio 2011.

Dal 13 al 15 gennaio 2015 accoglierà papa Francesco in visita apostolica nell'Arcidiocesi e in tutto il Paese asiatico.[5]

È uno dei cardinali che ha celebrato la messa tridentina dopo la riforma liturgica.

È membro consultore della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti e della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli.

Trattamenti di
Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don
Stemma
Arcivescovo di Colombo
Trattamento di cortesia Sua Eminenza
Trattamento colloquiale Vostra Eminenza
Trattamento religioso Cardinale
I trattamenti d'onore

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Card. Albert Malcolm Ranjith Patabendige Don, 19-11-2010.
  2. ^ Most Rev. Dr. Malcolm Ranjith: God's chosen Chief Shepherd for Sri Lanka, 15-11-2009.
  3. ^ College of Cardinals Biographical notes, 16-12-2011.
  4. ^ Ranjith on Kneeling for Communion during the liturgy and Communion on the Tongue, 28-01-2008.
  5. ^ Sri Lanka, Francesco andrà fra i tamil, 25-08-2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Cabarsussi Successore BishopCoA PioM.svg
Arnaldo Clemente Canale 17 giugno 1991 - 2 novembre 1995 José María Pinheiro
Predecessore Vescovo di Ratnapura Successore BishopCoA PioM.svg
- 2 novembre 1995 - 1º ottobre 2001 Harold Anthony Perera
Predecessore Segretario aggiunto della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli Successore Emblem Holy See.svg
 ? 1º ottobre 2001 - 29 aprile 2004 Henryk Hoser, S.A.C.
Predecessore Vescovo titolare di Umbriatico
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Joseph Hisajiro Matsunaga 29 aprile 2004 - 16 giugno 2009 Santo Gangemi
Predecessore Nunzio apostolico in Indonesia Successore Flag of the Vatican City.svg
Renzo Fratini 29 aprile 2004 - 10 dicembre 2005 Leopoldo Girelli
Predecessore Nunzio apostolico a Timor Est Successore Flag of the Vatican City.svg
Renzo Fratini 29 aprile 2004 - 10 dicembre 2005 Leopoldo Girelli
Predecessore Segretario della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti Successore Emblem Holy See.svg
Domenico Sorrentino 10 dicembre 2005 - 16 giugno 2009 Joseph Augustine Di Noia
Predecessore Arcivescovo di Colombo Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Oswald Thomas Colman Gomis dal 16 giugno 2009 in carica
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore CardinalCoA PioM.svg
Luigi Poggi dal 20 novembre 2010 in carica