Castiglion Fibocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Castiglion Fibocchi
comune
Castiglion Fibocchi – Stemma Castiglion Fibocchi – Bandiera
Castiglion Fibocchi – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Arezzo-Stemma.png Arezzo
Amministrazione
Sindaco Salvatore Montanaro (Partito Democratico Vivi Castiglion Fibocchi) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 43°31′44″N 11°45′49″E / 43.528889°N 11.763611°E43.528889; 11.763611 (Castiglion Fibocchi)Coordinate: 43°31′44″N 11°45′49″E / 43.528889°N 11.763611°E43.528889; 11.763611 (Castiglion Fibocchi)
Altitudine 300 m s.l.m.
Superficie 25,68 km²
Abitanti 2 248[1] (31-12-2010)
Densità 87,54 ab./km²
Frazioni Gello Biscardo
Comuni confinanti Arezzo, Capolona, Laterina, Loro Ciuffenna, Talla, Terranuova Bracciolini
Altre informazioni
Cod. postale 52029
Prefisso 0575
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 051011
Cod. catastale C318
Targa AR
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti castiglionesi
Patrono san Pietro
Giorno festivo 29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglion Fibocchi
Posizione del comune di Castiglion Fibocchi all'interno della provincia di Arezzo
Posizione del comune di Castiglion Fibocchi all'interno della provincia di Arezzo
Sito istituzionale

Castiglion Fibocchi è un comune italiano di 2.110 abitanti[2] della provincia di Arezzo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il paese di Castiglion Fibocchi sorge sulle ultimi propaggini del massiccio del Pratomagno che degradano verso la piana di Arezzo, lungo l'antica Via Clodia ( o Cassia Vetus ). Il territorio comunale già abitato nella tarda età repubblicana (I secolo a.C.), attorno all'anno mille fu castello dei Conti Guidi a guardia della strada che collegava il Valdarno al Casentino. Nel 1835, con la vittoria di Firenze su Arezzo cadde anch'esso sotto il dominio della Repubblica di Firenze. Lungo l'attuale strada dei Setteponti si possono osservare alcuni esempi della tipica edilizia rurale: le Case Leopoldine, con la colombaia, la loggia e il portico, fra le più belle della zona. A monte del capoluogo si trova la piccola frazione di Gello Biscardo con il suo borgo antico splendidamente conservato. Sulla collina si possono osservare i ruderi di S.Quirico, la pieve paleocristiana di cui si hanno testimonianze già dall'XI secolo.

Al plebiscito organizzato per l'annessione alla Sardegna della Toscana, Castiglion Fibocchi si espresse con schiacciante maggioranza a favore del mantenimento del regno separato (su 293 aventi diritto, 169 votanti, il regno separato ebbe 106 voti contro 46 che andarono all'annessione e 17 nulle). Qualcuno dice che questo risultato si ebbe perché fu l'unico posto in cui furono organizzate votazioni libere[3]. Da qui l'appellativo di "re di Castiglion Fibocchi" dato a Ferdinando IV di Toscana, succeduto all'ultimo sovrano regnante di Toscana, Leopoldo II di Toscana.

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[4]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica sorgente]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre del 2009 la popolazione straniera residente era di 234 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Persone legate a Castiglion Fibocchi[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Castiglion Fibocchi è gemellato con:

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La principale squadra di calcio della città è l'U.S.D. Castiglion Fibocchi 1968 che milita nel girone E toscano di Prima Categoria. È nata nel 1968.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Bilancio demografico anno 2007, dati ISTAT
  3. ^ Sul tema cfr. Nidia Danelon Vasoli, Il plebiscito in Toscana nel 1860, Firenze, Olschki, 1968
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana