Cane randagio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il fenomeno dei cani (e di altri animali) abbandonati, vedi randagismo.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Cane randagio
Nora inu poster.jpg
Poster
Titolo originale 野良犬 Nora inu
Lingua originale giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 1949
Durata 122 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Akira Kurosawa
Soggetto Akira Kurosawa, Ryuzo Kikushima
Sceneggiatura Akira Kurosawa, Ryuzo Kikushima
Fotografia Asakazu Nakai
Montaggio Toshio Goto, Yoshi Sugihara
Musiche Fumio Hayasaka
Scenografia So Matsuyama
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
« Un cane randagio diventa un cane rabbioso. »
(Detective Sato)

Cane randagio (野良犬 Nora inu) è un film del 1949 diretto da Akira Kurosawa.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Toshiro Mifune e Takashi Shimura

A Tokyo, durante un tragitto su un bus, l'agente di polizia Murakami viene derubato della pistola d'ordinanza; dopo poco tempo la stessa pistola verrà utilizzata per commettere un omicidio. L'onore, e quindi il diritto al proprio lavoro e ruolo sociale, sarà salvato solo recuperando l'arma. Comincia un itinerario allucinante alla ricerca dell'assassino, con la costanza del giusto che supera la fragilità della giovinezza.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. The Waves of the Danube, Iosif Ivanovici
  2. Barcarolle, da I racconti di Hoffmann, Jacques Offenbach
  3. Sonatina in C Maggiore, Op.20-1, Friedrich Kuhlau

Distribuzione[1][modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

È uscito nei cinema giapponesi il 17 ottobre 1949.

Titolo per l'estero[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Dizionario Morandini assegna al film quattro stelle su cinque e lo definisce una straziante sinfonia dei bassifondi [2][3].
  • Il Dizionario Farinotti gli assegna due stelle su cinque e lo definisce una buona imitazione dei film americani dell'epoca.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Al Mainichi Film Concours nel 1950, il film vinse 4 premi:

  • Miglior attore (Takashi Shimura)
  • Miglior direzione artistica (Takashi Matsuyama)
  • Miglior fotografia (Asakazu Nakai)
  • Miglior musica (Fumio Hayasaka)

Citazioni e riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Kurosawa ha dichiarato in diverse interviste che ha scritto la sceneggiatura del film basandosi sulle opere letterarie di Georges Simenon, senza però specificare i libri che lo hanno influenzato.[5]
  • È stato fatto un remake del film nel 1973 con la regia di Azuma Morisaki; l'ambientazione è passata da Tokyo ad Okinawa.
  • "La vicenda trae spunto da un fatto di cronaca che può ricordare Ladri di biciclette, anche se il furto e la drammatica ricerca dell'oggetto indispensabile di un lavoro acquistano significati totalmente diversi" (Aldo Tassone, Akira Kurosawa Il Castoro Cinema, ISBN 88-8033-015-2)

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La pistola del protagonista è una Colt calibro 25, modello 1908[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cane randagio su imdb.it
  2. ^ M. Morandini, Il Morandini 2003, Zanichelli 2002 - pag.223
  3. ^ Commento de Il Morandini su Mymovies.it
  4. ^ Pino Farinotti, Il Farinotti 2009, Newton Compton Editori 2008 - pag.346
  5. ^ a b Trivia for Nora inu (1949)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema