Friedrich Kuhlau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Friedrich Daniel Rudolph Kuhlau

Friedrich Daniel Rudolph Kuhlau (Uelzen, 11 settembre 1786Copenaghen, 12 marzo 1832) è stato un compositore e pianista danese dei periodi classico e romantico.

Nato in Germania, perse accidentalmente l'occhio destro all'età di sette anni per un banale incidente ma cominciò comunque a suonare il pianoforte prendendo lezioni ad Amburgo. La sua famiglia era povera e faticava a pagargli lo studio. Nel 1810 si trasferì a Copenaghen per sfuggire alla leva forzata che costringeva i giovani tedeschi ad entrare a far parte dell'armata Napoleonica; nel 1813 ottenne la cittadinanza danese. Nella sua vita fu conosciuto soprattutto come interprete di Beethoven, suo contemporaneo che diede molta influenza al suo stile di comporre, ma anche come compositore di opere in stile danese e di brani per pianoforte.

Le opere[modifica | modifica sorgente]

Fra le opere più importanti ricordiamo un concerto per pianoforte, uno per un quartetto d'archi e diversi brani per il piano fra cui Sonate, Sonatine (compresa la celeberrima Op. 20 n° 1), Rondò e Variazioni. Si dedicò anche agli strumenti ad arco in quanto compose per loro tre quartetti, due quintetti e numerose sonate.

Kuhlau è generalmente considerato un compositore minore, ma l'Ouverture dell'opera Elverhøj è molto nota in Danimarca e usata anche per il cinema danese.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24787632 LCCN: n81120377