Byron Scott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Byron Scott
Byron Scott.jpg
Byron Scott durante una partita dei Cleveland Cavaliers
Dati biografici
Nome Byron Antom Scott
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 89 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex guardia)
Squadra Los Angeles Lakers L.A. Lakers
Ritirato 1998 - giocatore
Carriera
Giovanili

1979-1983
Morningside High School
Arizona St. S. Devils Arizona St. S. Devils
Squadre di club
1983-1993 Los Angeles Lakers L.A. Lakers 767
1993-1995 Indiana Pacers Indiana Pacers 147
1995-1996 Vancouver Grizzlies Vancouver Grizzlies 80
1996-1997 Los Angeles Lakers L.A. Lakers 79
1997-1998 Panathinaikos Panathinaikos
Carriera da allenatore
1998-2000 Sacramento Kings Sacramento Kings (vice)
2000-2004 New Jersey Nets N.J. Nets 149-139
2004-2009 N. Orleans Hornets N.O. Hornets 203-216
2010-2013 Cleveland Cavaliers Cleveland Cavaliers 64-166
2014- Los Angeles Lakers L.A. Lakers
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 luglio 2014

Byron Antom Scott (Ogden, 28 marzo 1961) è un ex cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, attualmente coach dei Los Angeles Lakers e, da giocatore, professionista nella NBA e in Grecia.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato Arizona State University, nella stagione 1983-84 passa ai Los Angeles Lakers dove giocherà fino alla stagione 1992-93 vincendo il titolo NBA negli anni 1984-85, 1986-87 e 1987-88, partecipando alla grande stagione dello showtime con Magic Johnson e Kareem Abdul-Jabbar.

L'ultima stagione giocata nell'NBA è la 1996-97, che lo ha visto ritornare ai Lakers dopo le esperienze ai Pacers e ai Grizzlies.

Byron Scott ha interpretato bene il ruolo di guardia, inoltre è stato un buon tiratore dalla distanza dei tre punti.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha allenato per quattro stagioni la squadra dei New Jersey Nets, raggiungendo la finale nella stagione 2001-02 perdendola contro i Los Angeles Lakers di Shaquille O'Neal e Kobe Bryant. Raggiungerà la finale, perdendo anche quella, nella stagione successiva contro i San Antonio Spurs di David Robinson e Tim Duncan. Dalla stagione 2004-05 è allenatore dei New Orleans Hornets e nella stagione 2007-08 raggiunge per la prima volta la post season con 56 vittorie e 26 sconfitte. Grazie a questa cavalcata riesce a vincere il premio di allenatore dell'anno. I suoi ragazzi raggiungono le semifinali di conference battendo i Dallas Mavericks, ma vengono sconfitti in 7 gare dai San Antonio Spurs.

Il 1º luglio 2010 firma un contratto di tre anni con i Cleveland Cavaliers. Durante la sua prima stagione, chiusa con un record di 19 vittorie e 63 sconfitte, i Cavs hanno stabilito il nuovo record assoluto in NBA per il maggior numero di sconfitte consecutive (26), serie conclusasi l'11 febbraio 2011 con la vittoria casalinga sui Los Angeles Clippers.

Il 18 aprile 2013, Scott viene licenziato dalla dirigenza dei Cleveland Cavaliers.

Dopo una stagione trascorsa come analista televisivo, il 26 luglio 2014 firma un contratto di quattro anni con i Los Angeles Lakers.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Los Angeles Lakers: 1985, 1987, 1988

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]