Bruno Longhi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi omonimi, vedi Bruno Longhi (disambigua).
Bruno Longhi (al centro) in occasione della presentazione di FIFA 2004

Bruno Carlo Longhi (Casorate Primo, 2 giugno 1947) è un giornalista, musicista, e telecronista sportivo italiano. È il padre di Alessandro Longhi, detto "Dodo", giornalista e opinionista sportivo sulle reti del Gruppo Mediapason.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Bassista[modifica | modifica sorgente]

Prima di svolgere la sua attuale professione di telecronista, Bruno Longhi nel 1963 assieme a Tonino Cripezzi e Mario Lavezzi fonda - come bassista - il complesso musicale I Trappers, una band che dopo aver inciso il singolo "Ieri a lei" (cover di "Yesterday"), si scioglie.

Attorno agli anni '60, fece parte della band dei 4 Satelliti, sempre come bassista.

Negli anni settanta ha fatto parte - sempre come bassista - del gruppo Flora Fauna & Cemento - con il quale ha inciso alcuni 45 giri e due album.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Flora Fauna Cemento.

Nel 1972 compare nella registrazione del brano "Gente per bene e gente per male" nell'album "Il mio canto libero" di Lucio Battisti.

Falsa è la leggenda che lo vuole suonare in un celebre video (spesso ritrasmesso dalla RAI), in cui Battisti e Mina duettano sulle note di Mi Ritorni in Mente, il giovanissimo musicista alle spalle dei due cantanti era infatti per l'occasione Angel Salvador de I Ribelli.

Giornalista[modifica | modifica sorgente]

Divenuto giornalista professionista nel 1981, ha iniziato la sua carriera per Telemontecarlo, per la quale ha commentato le fasi finali di due Campionati mondiali di calcio, nel 1982 e nel 1986, e le fasi finali di due edizioni del Campionato europeo di calcio, nel 1984 e nel 1988. Nel 1988 è passato alla Fininvest, collaborando anche con TV K-C e TELE+2. Attualmente lavora per Mediaset in qualità di telecronista delle principali partite di Serie A trasmesse sul digitale terrestre di Mediaset Premium. Inoltre è stato fino a poco tempo fa tra gli inviati al seguito della Nazionale.

Dal 1996 commenta a Mediaset, alternandosi con Sandro Piccinini, le finali di Coppa dei Campioni/UEFA Champions League, tra cui la vittoria della Juventus a Roma nella finale del 1996 contro l'Ajax, e quella dell'Inter vittoriosa a Madrid contro il Bayern Monaco nel 2010. Dal 1989 ha narrato sei finali di Coppa Intercontinentale, cinque delle quali disputate dal Milan, negli anni 1989, 1990, 1993, 1994 e 2003, e una dalla Juventus, nel 1996. Per il digitale terrestre di Mediaset Premium ha commentato tutte le partite del Mondiale per Club 2007.

Sempre nel 1996 ha commentato la gara della Nazionale italiana contro la Moldavia, valida per le Qualificazioni al campionato mondiale di calcio 1998, trasmessa su Canale 5.

Ha anche prestato la sua voce alla telecronaca di alcuni videogiochi della saga FIFA, prodotta da Electronic Arts. Affiancato prima da Giovanni Galli in FIFA 2003 e FIFA 2005, successivamente la sua telecronaca in FIFA 06 si avvale del commento tecnico di Aldo Serena e un anno più tardi in UEFA Champions League 2006-2007 di Giuseppe Bergomi. Ha anche prestato la sua voce al videogioco della serie This Is Football, nelle versioni 2002, 2003, 2004 e 2005.

È stato ospite fisso del programma Controcampo in onda su Rete 4.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]