Battaglia di Antiochia (218)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Antiochia
Moneta di Macrino, sconfitto nella battaglia
Moneta di Macrino, sconfitto nella battaglia
Data 8 giugno 218
Luogo Antiochia
Esito Vittoria di Eliogabalo
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Antiochia fu combattuta l'8 giugno 218 nei pressi di Antiochia (Siria), tra l'esercito romano dell'imperatore Macrino e quello del pretendente Eliogabalo. Il generale Gannys, comandante delle truppe del giovane pretendente, vinse la battaglia, ed Eliogabalo divenne imperatore.

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Nel 217 Caracalla era stato assassinato durante una campagna contro i Parti: l'esercito aveva acclamato quindi Macrino imperatore. La madre e la zia di Caracalla Giulia Domna e Giulia Mesa, sostennero la candidatura del cugino quattordicenne di Caracalla, Eliogabalo, alla porpora, facendolo passare come figlio illegittimo dell'imperatore assassinato.

La politica di Macrino non aveva raccolto il favore dell'esercito: l'imperatore era stato costretto ad accettare una pace coi Parti dai termini molto onerosi e aveva ridotto la paga dei soldati. Il 16 maggio, la legione III Gallica, di stanza ad Emesa, proclamò Eliogabalo imperatore, annientando una unità di cavalleria comandata da Ulpino Giuliano e inviata da Macrino. L'imperatore, pentitosi della propria politica e pagato un donativo alle truppe, comandò un attacco su Emesa, operato dalla II Parthica, che però fallì, e Macrino si ritirò ad Antiochia.

Battaglia[modifica | modifica wikitesto]

La II Parthica abbandonò Macrino, e assieme ad altre truppe si schierò con Eliogabalo. Le forze del giovane membro della dinastia dei Severi, comandate da Gannys, si mossero su Antiochia.[1] L'8 giugno Macrino venne sconfitto e abbandonato dalle sue truppe.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Fuggito, fu riconosciuto da un centurione a Calcedonia sul Bosforo, riportato ad Antiochia e ucciso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Zosimo, Storia nuova, I, 10.3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]