Azazel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Azazel (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Una interpretazione moderna di Azazel come demone caprino, da Collin de Plancy (Dictionnaire Infernal, Parigi, 1825)

Azazel (aramaico: רמשנאל, ebraico: עזאזל, Aze'ezel arabo: عزازل Azazil) è un nome enigmatico presente sia nei testi sacri ebraici che in quelli apocrifi; il nome è presente anche con gli appellativi Rameel e Gadriel. La prima apparizione di questo nome si trova nel Levitico 16:8, dove una capra è designata "per Azazel".

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Azazel è il demone dei deserti della mitologia ittita, mesopotamica e mazdea[1]

Significato[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Azazel (Sayan) (‘ăzaz’ēl) si crede significhi "Dio è diventato forte", dall'ebraico ‘ăzaz, terza persona singolare del participio passato di ‘āzaz, "essere forte", e ’ēl, "Dio". Un'altra teoria usa ‘āzaz nella sua forma più metaforica di "sfrontato" o "impudente" nel significato di "impudente verso Dio". Azazel è inoltre conosciuto come una variante di "Azael", "Aziel" e "Asiel".

Nella Bibbia ebraica e nella letteratura rabbinica[modifica | modifica wikitesto]

La prima apparizione del nome "Azazel" si trova nel "libro dei vigilanti", la prima parte del Libro di Enoch. Il nome denota uno degli angeli ribelli che insegnarono agli uomini a costruire armi e alle donne ornamenti e cosmesi (1 Enoch 8,1). Dio manda l'arcangelo Raffaele a incatenarlo e seppellirlo nel deserto di Dudael vicino a Gerusalemme (cap. 10), dove egli vorrebbe anche pentirsi ma non può. Il nome ricompare nel Levitico 16:8, quando Dio ordina al sommo sacerdote Aronne che nel giorno dello Yom Kippur venga sacrificato al Signore un capro per espiare i peccati degli israeliti e che un altro identico sia mandato nel deserto per Azazel.

Influenza nei media[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Azazello è uno dei personaggi al seguito di Woland (il diavolo) nel romanzo Il maestro e Margherita di Michail Bulgakov.
  • Azazel è un demone donna che, accoppiandosi con un angelo, ha dato origine alla stirpe umana nel romanzo Due candele per il Diavolo di Laura Gallego Garcia.
  • Azazel è un piccolo demone rosso, dotato di poteri che gli permettono di interferire sulla fisica, sulle probabilità e sulle menti umane, co-protagonista di una serie di racconti scritti da Isaac Asimov.
  • Azazel compare nel quinto libro della saga di Shadowhunters, di Cassandra Clare.
  • Azazel è il diavolo che costringe il monaco Ipa a raccontare la sua storia nel romanzo Azazel di Youssef Ziedan.
  • Azrael è l’angelo della morte che soffre per il proprio vampirismo nella serie paranormal romance di Heather Killough-Walden.

Nel cinema e in televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Azazel è l'antagonista del film Il tocco del male (1998), dove può trasmigrare di corpo in corpo con un tocco e dove canta costantemente Time is on my side dei Rolling Stones.
  • È il nome di un personaggio della Marvel Comics, apparso nel film X-Men - L'inizio; ha un aspetto vagamente demoniaco, una coda che termina con una punta e la pelle rossastra; nei fumetti, ha avuto una storia con la mutante Mystica, da cui è nato Nightcrawler, che ha l'aspetto e i poteri del padre e la pelle blu della madre.
  • Nella serie tv Supernatural, Azazel è la vera identità del demone identificato come "occhi gialli".
  • Nell'anime Highschool DxD Azazel rappresenta uno dei leader degli angeli caduti, in passato in guerra con demoni e clero.

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://culturacattolica.it, Il Principe di questo mondo, R.Grillo.