Auguste Dupin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Auguste Dupin
Auguste Dupin recupera la "lettera rubata", nell' omonimo racconto (The Purloined Letter) scritto da Edgar Allan Poe
Auguste Dupin recupera la "lettera rubata", nell' omonimo racconto (The Purloined Letter) scritto da Edgar Allan Poe
Lingua orig. Inglese
Autore Edgar Allan Poe
1ª app. 1841
1ª app. in I delitti della Rue Morgue
Ultima app. in La lettera rubata
Sesso Maschio
Etnia Francese
Abilità
  1. seconda trasformazione
  2. ... -->

Auguste Dupin è un personaggio fittizio, nato dall'immaginazione di Edgar Allan Poe. Lo scrittore si ispirò, nell' ideazione di tale personaggio, al fondatore della Pubblica Sicurezza in Francia, un certo Eugène-François Vidocq[senza fonte]. Apparve per la prima volta nel racconto poliziesco I delitti della Rue Morgue (pubblicato nel 1841 sul Graham's Magazine). Compare anche nei racconti Il mistero di Marie Roget e La lettera rubata.

Il personaggio[modifica | modifica sorgente]

Auguste Dupin è francese, povero, triste, ma anche cavaliere dall'ingegno fertile e pronto a risolvere i più intricati misteri.

Il personaggio di Poe può essere considerato il geniale capostipite di una fitta schiera di investigatori che è giunta fino ai nostri giorni, si tratti di letteratura oppure di cinema o televisione, tra cui ricordiamo i famosi Sherlock Holmes e Hercule Poirot.

L'ingegno[modifica | modifica sorgente]

L'ingegno di Dupin, come avverte il suo stesso inventore, è di carattere puramente analitico e il suo ragionamento ha stile matematico, dove deduzione e induzione si alternano al senso preciso dell'osservazione. Egli è capace di destreggiarsi con grande abilità anche laddove la polizia non riesce a trovare soluzioni.

Il ragionamento[modifica | modifica sorgente]

Il ragionamento di Dupin è, in un certo senso, scientifico ed egli riesce a completare con estrema facilità il mosaico inserendo degli indizi, solo apparentemente contraddittori, al giusto posto o a vincere una vera e propria battaglia tra caos e senso geometrico dell'ordine lasciando l'intelligenza come forza primaria del personaggio.

Lo humor[modifica | modifica sorgente]

Non manca a Dupin il senso dello humor, un leggero filo di malinconia capace di sorridere di fronte alla cecità umana.

Il contributo di Dupin è quel tocco di umanità in un mondo abbruttito dal delitto più feroce che un essere umano possa commettere.

L'io narrante[modifica | modifica sorgente]

Dall'umanità di Dupin nasce tutto il resto, compreso l'io narratore del suo anonimo amico, fedele testimone di una serie di fatti e misfatti che compongono il mistero.

L'inventiva raziocinante[modifica | modifica sorgente]

La tecnica base di un buon racconto poliziesco è quella di riuscire a mettere in moto tutta una serie di fatti ed osservazioni, tali da consentire al lettore, aspirante detective, di risolvere in proprio la vicenda.
Questo, Poe dimostra di saperlo fare molto bene e, pur fondendo temi già frequenti nella cultura precedente e contemporanea, li investe di una luce nuova creando i motivi classici della detective story.

Egli, o meglio il suo io narrante, comincia a presentarci i fatti quali sono accaduti di fronte al comune senso della curiosità. In seguito, quasi in sovrapposizione, comincia ad esporre gli stessi in una luce differente, ricca di inventiva e di intelligenza. Si tratta appunto delle osservazioni di Auguste Dupin, il quale, per smontare il falso edificio di impressioni e illazioni, propone una vera e propria ipotesi di lavoro per mettere in movimento il suo personale e razionale metodo di analisi.

Nel racconto "I delitti della Rue Morgue", Poe concede al suo personaggio tutti quei procedimenti capaci di eliminare tutte le possibilità ritenute a torto valide, in modo che la soluzione proposta, per quanto incredibile, non può essere che quella esatta. L'esame delle finestre da cui è entrato e uscito l'assassino è un vero segno di bravura in cui si chiarisce la superiorità del poliziotto dilettante, su fatti e cose, rispetto alla polizia ufficiale.

In questo racconto appare per la prima volta lo schema narrativo di un mistero composto da un crimine e risolto attraverso un procedimento intellettivo.

Auguste Dupin, il poliziotto dilettante, è l'eroe di un genere per quei tempi assolutamente nuovo. Egli, più che un personaggio è un simbolo e il suo antagonista non è tanto il criminale quanto il mistero.

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Lovers & Madmen, in Batman Confidential nn. 7-12, DC Comics, 2006 (tradotto in Amanti & Pazzi, Batman Confidential n. 2, Planeta DeAgostini, 2009)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

giallo Portale Giallo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di giallo