Il ritratto ovale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ritratto ovale
Titolo originale The Oval Portrait
Poe the oval portrait.JPG
Un'illustrazione ottocentesca del racconto
Autore Edgar Allan Poe
1ª ed. originale 1842
Genere racconto
Lingua originale inglese

Il ritratto ovale (The Oval Portrait), è una storia breve di Edgar Allan Poe, scritta nel 1842.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il racconto è narrato al passato da un personaggio estraneo alla storia principale: questi, ferito per motivi ignoti, si rifugia, nella torre di un castello abbandonato, con l’aiuto del suo valletto, ritenendo pericoloso passare la notte all’aperto. All’interno della torre il personaggio-narratore trova un libro che racconta la storia di tutti i quadri che tappezzano le pareti. Spostando un candelabro per leggere meglio, le luci delle candele rischiarano il ritratto ovale di una giovane donna, da cui rimane intensamente colpito: il narratore non riesce a spiegarsi la vitalità di quel ritratto, sebbene il dipinto sia di ottima fattura, poiché ritiene che il semplice valore estetico non possa sortire un tale effetto su di lui.

Dopo aver lungamente fissato il quadro, il narratore vuole cercare una risposta all’inspiegabile attrazione per quel ritratto. Per far ciò comincia a leggerne la storia sul libro trovato nella stanza. Il libro parla della vita della fanciulla ritratta nel quadro, andata in moglie a un pittore. La donna si dimostrò una moglie molto devota e servizievole nei confronti del marito, che coltivava però un secondo amore, l’arte. Per questo motivo non era molto sensibile ai problemi della moglie: nonostante questa fosse malata e gracile, arrivò a chiederle di prestarsi a posare per lungo tempo quale soggetto di un ritratto. Il luogo scelto dal pittore era freddo e umido, e questo mise ancor più a repentaglio la già debole salute della donna. Il marito, però, era talmente concentrato sul quadro - quasi fosse entrato in uno stato di trance - da ignorare per giorni le condizioni della moglie. Quest'ultima, poi, esprimendo ancora la sua devozione, non volle interrompere l'artista.

E quando giunge il momento conclusivo, in cui il pittore dà l'ultimo tocco alla sua opera, la moglie, priva ormai di forze, muore.

Analisi[modifica | modifica sorgente]

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Il testo evidenzia all'inizio del racconto due personaggi, ovvero, il protagonista che si presenta anche come narratore, questi è malato e confuso a causa di una malattia ignota, accompagnato dal suo servo. Continuando con la lettura possiamo trovare altri due personaggi ovvero l'autore del quadro che rapisce per minuti l'attenzione del protagonista e la vittima che è attribuita alla figura rappresentata nel quadro stesso.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura