You Could Be Mine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
You Could Be Mine
Youcouldbemine.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaGuns N' Roses
Tipo albumSingolo
Pubblicazione21 giugno 1991
Durata5:44
Album di provenienzaTerminator 2 Original Soundtrack / Use Your Illusion II
GenereHard rock
Heavy metal
EtichettaGeffen
ProduttoreMike Clink, Guns N' Roses
Registrazione1990–1991
FormatiCD, 7"
Certificazioni
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[1]
(vendite: 500 000+)
Svezia Svezia[2]
(vendite: 50 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[3]
(vendite: 70 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(vendite: 15 000+)
Guns N' Roses - cronologia
Singolo precedente
(1989)
Singolo successivo
(1991)

You Could Be Mine è un singolo del gruppo musicale statunitense Guns N' Roses, estratto dalla colonna sonora del film Terminator 2 - Il giorno del giudizio e inserito successivamente nel quarto album del gruppo, Use Your Illusion II (1991).

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Il testo di You Could Be Mine fu scritto da Izzy Stradlin ed Axl Rose ed era dedicato alla relazione fallita tra Stradlin e la cantante Angela Nicoletti. Era stato originariamente composto per l'album Appetite for Destruction.[5]

È il primo brano registrato con il batterista Matt Sorum, che sostituisce Steven Adler, il quale appare per un'ultima volta nel lato B Civil War.

Terminator 2[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, e soprattutto il suo video, furono anche dedicati al film di James Cameron Terminator 2 - Il giorno del giudizio. Nel film apparvero alcuni riferimenti ai Guns N' Roses: un amico di John Connor indossava una loro maglietta e il cyborg T-800, alias Arnold Schwarzenegger, nel primo scontro con T-1000 tirava fuori un fucile da una scatola di rose (giocando implicitamente sul nome della band). Quei riferimenti ai Guns indussero il regista Cameron a reclutare il gruppo, perché dedicasse al film una canzone, e alla fine optarono per You Could Be Mine. A casa sua, Schwarzenegger strinse così un accordo con Rose e i suoi compagni di band, durante una cena. Axl Rose e Schwarzenegger divennero così ottimi amici, e l'attore divenne fan della band.[6]

Il brano è stato successivamente inserito anche nel film Terminator Salvation (2009).

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip del brano è stato diretto da Andy Morahan, Stan Winston e Jeffrey Abelson.[7] Esso include spezzoni tratti dal film Terminator 2, ma anche lo stesso Schwarzenegger/Terminator a caccia dei Guns N' Roses durante un loro concerto. Nel clip appaiono tutti i membri del gruppo, compreso Izzy Stradlin, che però non compare nel segmento finale del video, in quanto aveva già lasciato la band. Il video è stato infatti pubblicato nel giugno 1991 assieme al singolo, ed era stato girato nei mesi precedenti utilizzando spezzoni di concerti in cui Izzy, che abbandonò il gruppo agli inizi del 1991, era ancora presente. Il cyborg ha avuto l'incarico da Skynet di uccidere i Guns, temendo che la loro musica potesse indurre gli umani ad essere più forti contro le macchine. Una volta finita la canzone, Terminator si ritrova faccia a faccia con la band e la studia con i suoi occhi elettronici. Dopo aver preso di mira Axl, comprende però che ucciderlo sarebbe solo "uno spreco di munizioni", e perciò rinuncia ad uccidere i Guns.

Poiché nel video sono presenti scene dal film, non è stato incluso nel DVD Welcome to the Videos per motivi legali.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD singolo (Geffen 19039)
  1. You Could Be Mine – 5:44
  2. Civil War – 7:41
45 giri (Geffen GES 19039)
  • Lato A
  1. You Could Be Mine (LP Version) – 5:44
  • Lato B
  1. Civil War (LP Version) – 7:38

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1991) Posizione
Australia[17] 5
Belgio (Fiandre)[18] 54
Germania[19] 27
Italia[20] 18
Nuova Zelanda[21] 4
Paesi Bassi[22] 32
Svizzera[23] 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Guns N' Roses, You Could Be Mine – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 aprile 2015.
  2. ^ (SE) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 9 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  3. ^ (EN) Gavin Ryan, Australia's Music Charts 1988-2010, Mount Martha, Moonlight Publishing, 2011.
  4. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  5. ^ Bozza, Anthony, & Slash (2007). Slash. Harper Entertainment: New York. page 166
  6. ^ (EN) Arnold Schwarzenegger Biography, su filmreference.com. URL consultato il 12 marzo 2010.
  7. ^ (EN) Guns N' Roses - You Could Be Mine, mvdbase.com. URL consultato il 2 novembre 2015.
  8. ^ a b c d e f g h i j (NL) Guns N' Roses - You Could Be Mine, Ultratop. URL consultato il 13 marzo 2015.
  9. ^ (EN) Top Singles - Volume 54, No. 11, August 17 1991, Library and Archives Canada. URL consultato il 13 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 6 marzo 2014).
  10. ^ (FI) Jake Nyman, Suomi soi 4: Suuri suomalainen listakirja, 1ª ed., Helsinki, Tammi, 2005, ISBN 951-31-2503-3.
  11. ^ a b (JA) Japan #1 IMPORT DISKS by Oricon Hot Singles, Oricon. URL consultato il 13 marzo 2015 (archiviato dall'url originale l'11 settembre 2010).
  12. ^ (EN) Search the Charts - You Could Be Mine, irishcharts.ie. URL consultato il 13 marzo 2015.
  13. ^ Hit Parade Italia - Indice per Interprete: G, Hit Parade Italia. URL consultato il 13 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Official Singles Chart Top 75: 07 July 1991 - 13 July 1991, Official Charts Company. URL consultato il 13 marzo 2015.
  15. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spagna, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  16. ^ a b (EN) 303248 Chart History, Billboard. URL consultato il 13 marzo 2015.
  17. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 50 Singles 1991, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 13 marzo 2015.
  18. ^ (NL) Jaaroverzichten 1991, Ultratop. URL consultato il 13 marzo 2015.
  19. ^ (DE) Single – Jahrescharts 1991, offiziellecharts.de. URL consultato il 13 marzo 2015.
  20. ^ I singoli più venduti del 1991, Hit Parade Italia. URL consultato il 13 marzo 2015.
  21. ^ (EN) Top Selling Singles of 1991, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 13 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2015).
  22. ^ (NL) Jaaroverzichten 1991, su dutchcharts.nl. URL consultato il 13 marzo 2015.
  23. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 1991, Schweizer Hitparade. URL consultato il 13 marzo 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]