Tommaso I di Costantinopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tommaso I
Patriarca di Costantinopoli
Elezione 607
Fine patriarcato 610
Predecessore Ciriaco
Successore Sergio I
Morte 610

Tommaso I (... – 610) è stato un arcivescovo e santo bizantino, che ha ricoperto la carica di patriarca di Costantinopoli dal 607 fino al 610 e che è venerato come santo dalla Chiesa ortodossa.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente diacono, durante il patriarcato di Giovanni VI Nesteutes venne nominato sakellarios della chiesa di Haghia Sofia di Costantinopoli. Scomparso il patriarca Ciriaco nel 606, nel 607 venne nominato patriarca di Costantinopoli.

Leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, durante un processione in Galazia sarebbe avvenuto un prodigio nefasto, interpretato dal profeta Teodoro Siceota come un avvertimento sui tempi di crisi che attendevano la Chiesa. Tommaso avrebbe chiesto al santo di pregare perché il Signore lo richiamasse prima del compimento della profezia.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

È commemorato il 21 marzo secondo il calendario giuliano (3 aprile secondo il calendario gregoriano).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Costantinopoli Successore Cruz ortodoxa.png
Ciriaco 607 - 610 Sergio I