Manuele II di Costantinopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manuele II
Patriarca di Costantinopoli
Intronizzazione1244?
Fine patriarcato1254?
PredecessoreManuele II
SuccessoreArsenio Autoreiano
 
Morteprima del 3 novembre 1255

Manuele II (in greco Μανουήλ Β΄; ... – prima del 3 novembre 1255) è stato il Patriarca ecumenico di Costantinopoli a cavallo della metà del XIII secolo[1].

Prima di ascendere al patriarcato era già un ecclesiastico rinomato tra gli ecclesiastici di Nicea e considerato molto pio e santo anche se era sposato.[1] Aveva un carattere dolce ed era servizievole e gentile, ma non era molto istruito.[1]

Divenne patriarca dopo il breve patriarcato di Metodio II (1240) e un periodo vacante che gli storici fissano tra uno e quattro[1] anni). Governò la sede per 11 anni o, secondo il Protrepticon, 14 anni.

Nel 1247 entrò in contatto con un frate minore inviato come legato dal Papa a Costantinopoli.[1] Nel 1249, fu con Giovanni di Parma, un generale dello stesso ordine, a condurre colloqui.[1] Nonostante l'invio al papa da parte dell'imperatore Giovanni III Ducas Vatatze di due signori greci e due vescovi, i negoziati rimasero senza seguito.[1]

Emise tre decreti sinodali (Sententiae Synodales) confluiti nella Ius Graeca-Romanum di Leunclavius, uno dei quali è datato al 1250.

Manuele II morì prima del 3 novembre 1255.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h PadriBenedettini, pp. 463-464.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Costantinopoli Successore Cruz ortodoxa.png
Metodio II 1244? - 1254? Arsenio
Controllo di autoritàVIAF (EN475159474048427660050 · BAV 495/323554