Manuele II di Costantinopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manuele II
Patriarca di Costantinopoli
Intronizzazione1244?
Fine patriarcato1254?
PredecessoreManuele II
SuccessoreArsenio Autoreiano
 
Morteprima di novembre 1254

Manuele II (in greco Μανουήλ Β΄; ... – 1254) è stato il Patriarca ecumenico di Costantinopoli a cavallo della metà del XIII secolo[1].

Prima di ascendere al patriarcato era già un ecclesiastico rinomato tra gli ecclesiastici di Nicea e considerato molto pio e santo anche se era sposato.[1] Aveva un carattere dolce ed era servizievole e gentile, ma non era molto istruito.[1]

Divenne patriarca dopo il breve patriarcato di Metodio II (1240) e un periodo vacante che gli storici fissano tra uno e quattro[1] anni). Governò la sede per 11 anni o, secondo il Protrepticon, 14 anni.

Nel 1247 entrò in contatto con un frate minore inviato come legato dal Papa a Costantinopoli.[1] Nel 1249, fu con Giovanni di Parma, un generale dello stesso ordine, a condurre colloqui.[1] Nonostante l'invio al papa da parte dell'imperatore Giovanni III Ducas Vatatze di due signori greci e due vescovi, i negoziati rimasero senza seguito.[1]

Emise tre decreti sinodali (Sententiae Synodales) confluiti nella Ius Graeca-Romanum di Leunclavius, uno dei quali è datato al 1250.

Manuele II morì prima del 3 novembre 1255.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h PadriBenedettini, pp. 463-464.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Patriarca di Costantinopoli Successore Cruz ortodoxa.png
Metodio II 1244? - 1254? Arsenio
Controllo di autoritàVIAF (EN475159474048427660050 · BAV (EN495/323554