Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Patriarcato armeno di Costantinopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patriarcato armeno di Costantinopoli
Classificazione Chiesa apostolica armena
Fondata 1461
Separata da Catolicosato della Grande Casa di Cilicia
Diffusione Turchia, Creta
Rito armeno
Calendario giuliano
Primate patriarca Mesrob II Mutafyan
Sede Chiesa patriarcale della Santa Madre di Dio
Forma di governo episcopale
Fedeli 95000

Il patriarcato armeno di Costantinopoli (in armeno Պատրիարքութիւն Հայոց Կոստանդնուպոլսոյ) è una diocesi patriarcale appartenente alla Chiesa apostolica armena. Fu fondato nell'anno 1461. L'attuale patriarca è Mesrob II Mutafyan e risiede nel quartiere Kumkapı di Istanbul. Egli porta anche i titoli di "patriarca armeno di Costantinopoli e di tutta la Turchia" o di "patriarca degli armeni di Turchia".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il patriarcato fu fondato nel 1461, appena dopo la conquista ottomana di Costantinopoli, per volere del sultano Maometto II, che sottopose alla sua giurisdizione tutti gli armeni del suo impero. L'importanza del patriarcato armeno cominciò a decadere con il decadere della potenza ottomana, fino a restringersi ai soli armeni di Turchia, esclusi quelli che sono sottoposti al Catolicosato della Grande Casa di Cilicia.

Nel 1914 il patriarcato comprendeva ancora 12 arcidiocesi e 27 diocesi, oltre a 6 monasteri autonomi. Ma la tormenta che si abbatté sugli armeni dell'impero ottomano durante la prima guerra mondiale fece scomparire del tutto queste circoscrizioni. Lo stesso patriarca dovette lasciare Istanbul e la sede rimase vacante per anni. Con il Trattato di Losanna del 1923 il governo turco accettò l'esistenza del patriarcato, ma ne limitò i compiti all'ambito religioso. Solo però l'intervento del catholicòs di Echmiadzin poté normalizzare definitivamente la situazione con la nomina di Mesrob I Naroyan nel 1944. Questi però fu deposto nel 1950 dai suoi stessi fedeli perché filo-russo. Successore fu Karekin Katciadurian che riorganizzò il patriarcato e fondò un seminario armeno.

Attualmente la chiesa armena in Turchia possiede 35 chiese a Istanbul e dintorni, ed altre chiese a Kayseri, Diyarbakır, Derik, İskenderun, Vakifli Koyu e Kirikhan. La sua giurisdizione si estende ai fedeli armeni della Turchia e dell'isola di Creta in Grecia.

Lista dei patriarchi[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]