Giovanni V di Costantinopoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni V (... – 675) è stato un arcivescovo bizantino, patriarca di Costantinopoli dal 669 al 675.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prete e skeuophylax di Hagia Sophia,[1] nel 669 divenne patriarca di Costantinopoli, succedendo a Tommaso II e mantenendo la carica per sei anni, fino al 675[2] (Niceforo fornisce una cifra più precisa di cinque anni e nove mesi)[1].

Non era un sostenitore del monotelismo, stando agli atti del Concilio di Costantinopoli III del 680-681, durante il quale fu letta una copia della sua synodika inviata a Macario, patriarca di Antiochia, e non vi furono trovate tracce di monotelismo.

Gli succedette Costantino I.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Niceforo, Chron., p. 118, 64
  2. ^ Teofane, AM 6160, Teofane, AM 6165.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Liber Pontificalis, ed. L. Duchesne, Le liber pontificalis. Texte, introduction et commentaire, 2 vol. (Paris, 1886-92); ripubblicato con un terzo volume da C. Vogel, (Paris, 1955-57).
  • Teofane Confessore, Chronographia, ed. C. de Boor, 2 vol. (Leipzig, 1883-85, repr. Hildesheim/NewYork, 1980); traduzione e note di C. Mango e R. Scott, The Chronicle of Theophanes Confessor, Oxford 1997.
  • Zonara, Ioannis Zonarae Epitome Historiarum, libri XIII-XVIII, ed. Th. Büttner-Wobst, (Bonn, 1897)
  • Niceforo, Breviarium Historiae.
  • Niceforo, Chronographikon Suntomon, ed. C. de Boor, Nicephori Archiepiscopi Constantinopolitani Opuscula Historica (Leipzig, 1880), pp. 79–135.