Concilio di Costantinopoli III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terzo Concilio di Costantinopoli
Concilio ecumenico delle Chiese cristiane
45-manasses-chronicle.jpg
Miniatura del XIV secolo
Luogo Costantinopoli
Data 680-681
Accettato da cattolici, ortodossi, luterani, vetero-cattolici (VI)
Concilio precedente Concilio di Costantinopoli II
Concilio successivo Concilio di Nicea II
Convocato da Imperatore Costantino IV
Presieduto da Costantino IV
Partecipanti inferiore a 300, il numero di firme sui documenti va dalle 43 della prima sessione alle 174 della sessione finale
Argomenti monotelismo, natura umana e divina di Gesù
Documenti e pronunciamenti condanna del monotelismo
Questa voce è parte della serie
Concilî ecumenici
della Chiesa Cattolica

Infaillibilité.jpg
Cittadini di Roma nella Basilica di San Pietro il 18 luglio 1870, giorno in cui venne approvata l'infallibilità papale
Antichità (circa 49 d.C. - 451)
Alto medioevo (553 - 870)
Basso medioevo (1123 - 1517)
Modernità (1545 - 1965)

Emblem of the Holy See usual.svg Portale Cattolicesimo

Il Concilio di Costantinopoli, indetto il 7 novembre 680 e chiuso il 16 settembre 681, è ritenuto da alcune Chiese cristiane il terzo Concilio ecumenico celebrato nella capitale dell'Impero bizantino. Fu convocato e presieduto dall'imperatore Costantino IV.

Temi trattati[modifica | modifica wikitesto]

Il Terzo Concilio di Costantinopoli fu il primo che si tenne dopo la perdita di Siria ed Egitto a causa della conquista araba. Se gli imperatori bizantini avevano sempre preferito tutelare i buoni rapporti con le Chiese di Antiochia ed Alessandria, anche a costo di alcune frizioni con Roma, questa volta il basileus mostrò un diverso atteggiamento[1].

Monotelismo e monoenergismo

La questione dogmatica imperante nel VII secolo riguardava la figura di Cristo e le sue volontà. Stava avanzando la teoria non ortodossa del monotelismo e del monoenergismo: furono, in effetti, tentativi per riproporre il monofisismo, già condannato al Concilio di Calcedonia (451).

Già papa Onorio I (625-638) era stato avvisato della nuova formula monotelita, proposta come conciliante; il papa, perciò, credette di non scorgere in essa alcunché di sbagliato. Ma non tardarono le reazioni contrarie da parte dei monaci Sofronio (poi patriarca di Gerusalemme) e Massimo il Confessore (poi santo).

Papa Martino I (649-655), in un concilio svoltosi in Laterano, condannò il monotelismo, facendo nascere così divergenze tra la linea propositiva dell'Imperatore, sorretto dal patriarcato di Costantinopoli, e la linea romana.

Nel terzo Concilio di Costantinopoli si arrivò ad una conciliazione: Costantino IV, d'accordo con papa Agatone (678-681), condannò ufficialmente il monotelismo, in linea con quanto il Concilio di Calcedonia aveva definito nel 451. Il Concilio condannò Papa Onorio I e il patriarca di Costantinopoli Sergio I in quanto, pur non avendolo promosso, non ebbero condannato il monotelismo.

I padri conciliari affermarono, tra l'altro:

«Predichiamo che in Lui [Cristo] vi sono due volontà naturali e due operazioni naturali, indivisibilmente, immutabilmente, inseparabilmente e senza confusione, secondo l'insegnamento dei santi padri. I due voleri naturali non sono, come dicono gli empi eretici, in contrasto fra loro, tutt'altro. Ma il volere umano è subordinato, non si oppone né resiste, si sottopone, invece, al volere divino e onnipotente.»

Primato di Pietro

L'imperatore Costantino IV fece accettare dai vescovi orientali presenti al concilio la teoria del Primato di Pietro basato sulla professione di fede dell'apostolo. L'imperatore stesso ebbe a definire il pontefice romano "Arcivescovo dell'antica, gloriosa Roma e Papa ecumenico"[2]. Il Concilio sancì quindi la piena riconciliazione della Chiesa bizantina con la Sede apostolica romana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Henri Pirenne, Maometto e Carlomagno [1937], Laterza, Roma-Bari 1984, pag. 206.
  2. ^ Gabriele De Rosa, Giorgio Cracco (a cura di), Il Papato e l'Europa, Rubbettino Editore, 2001, p. 65.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Edizione critica degli atti conciliari, in greco e latino, con introduzione in tedesco:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN246513167 · GND (DE4032375-4 · WorldCat Identities (ENviaf-157587026