Stuart Baxter

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stuart Baxter
Stuart Baxter.jpg
Nome Stuart William Baxter
Nazionalità Scozia Scozia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1984 - giocatore
Carriera
Giovanili
1971-1973 Preston N.E.
Squadre di club1
1973-1975 Preston N.E. 41 (1)
1975 Morecambe 1 (0)
1975-1976 Dundee Utd 0 (0)
1976-1977 Stockport County 4 (0)
1978-1979 South Melbourne 50 (4)
1981 Helsingborg ? (?)
1982 South Melbourne ? (?)
1983 San Diego Sockers ? (?)
1983-1984 Örebro 41 (5)
Carriera da allenatore
1985 Örebro
1986 Skarp
1987 Vitória Setúbal
1988-1991 Halmstad
1992-1994 Sanfrecce
1995-1997 Vissel Kobe
1998-2000 AIK
2001 Lyn Oslo
2002-2004 Inghilterra Inghilterra U-19
2004-2005 Sudafrica Sudafrica
2006 Vissel Kobe
2006-2007 Helsingborg
2008-2010 Finlandia Finlandia
2012-2015 Kaizer Chiefs
2015 Gençlerbirliği
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stuart William Baxter (Wolverhampton, 16 agosto 1953) è un allenatore di calcio ed ex calciatore scozzese, di ruolo centrocampista.

Il figlio Lee è stato anch'esso un giocatore professionista in Svezia, ma di ruolo portiere[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nella cittadina inglese di Wolverhampton da padre scozzese e madre inglese, ed è proprio in Inghilterra che cresce calcisticamente. Inizia al Preston North End, poi ha una parentesi scozzese ed un breve ritorno nel campionato inglese.

Nel 1978 approda in Australia al South Melbourne, ma la sua carriera da calciatore continuerà negli Stati Uniti e in Svezia, dove appenderà le scarpe al chiodo nel 1984.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera da allenatore iniziò dove finì quella da calciatore, ovvero nel club svedese dell'Örebro, ed è poi proseguita in Norvegia, Portogallo e Giappone, nazione in cui ebbe modo di guidare sia il Sanfrecce Hiroshima che il Vissel Kobe. È proprio dall'esperienza nipponica che Baxter fu prelevato dall'AIK, squadra con cui vinse lo scudetto 1998 e con cui debuttò in UEFA Champions League, in un girone che comprendeva anche il Barcellona, l'Arsenal e la Fiorentina.

Nel 2001 passò ai norvegesi del Lyn, quindi fu chiamato sulla panchina della nazionale inglese Under-19 e su quella della nazionale maggiore sudafricana. Quindi ancora Giappone, Svezia, tre anni da CT della nazionale della Finlandia e l'accordo con i sudafricani del Kaizer Chiefs nel 2012.

Nell'estate 2015 allena i turchi del Gençlerbirliği, ma dopo le sconfitte nelle prime due giornate di campionato rescinde consensualmente il contratto con la società[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SV) LEE BAXTER - PROFESSIONELL I ALLT, aik.se.
  2. ^ (SV) Baxter lämnar – efter två matcher, aftonbladet.se, 24 agosto 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Stuart Baxter, su Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.
Controllo di autorità VIAF: (EN251785997