Stefano Daniel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Daniel
Nazionalità Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Venezia (Primavera)
Ritirato 1998 - giocatore
Carriera
Giovanili
Fiorentina
Squadre di club1
1985-1988 Fiorentina 0 (0)
1988-1989 Reggiana 28 (0)
1989 Fiorentina 2 (0)
1989-1990 Messina 5 (0)
1990-1991 Reggiana 30 (0)
1991-1992 Empoli 34 (2)
1992-1993 Siena 19 (0)
1993 Reggiana 0 (0)
1993-1995 Crevalcore 57 (0)
1995-1996 Palazzolo 24 (0)
1996-1998 Giorgione 61 (1)
Carriera da allenatore
2004-2006 Treviso Esordienti
2006-2007 Treviso Giovanissimi Nazionali
2007-2009 Treviso Allievi Nazionali
2009-2010 Udinese Allievi Regionali
2010-2012 Pordenone Allievi Regionali
2012-2014 Udinese Allievi Nazionali
2014 Pordenone Vice
2014 Pordenone
2014-2017Pordenone Allievi Nazionali
2017-VeneziaPrimavera
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stefano Daniel (Monastier di Treviso, 14 luglio 1968) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Fiorentina, per la stagione 1988-1989 viene mandato a giocare nella Reggiana con cui si aggiudica il campionato di Serie C1.

Rientrato a Firenze nella stagione successiva, esordisce in Serie A il 3 settembre 1989 in Fiorentina-Genoa (0-0). Con i viola gioca in tutto 2 partite di campionato, una di 1989-1990[1] ed una di Coppa UEFA, contro l'Atletico Madrid[2]. Ad ottobre scende in Serie B per vestire la maglia del Messina[3], con cui gioca 5 partite in Serie B.

Tornato alla Reggiana nel 1990-1991 (con cui colleziona 30 presenze in seconda serie), gioca poi due stagioni in Toscana in Serie C1, con l'Empoli prima e con il Siena poi, prima di tornare ancora una volta alla Reggiana, promossa nel frattempo in Serie A, senza tuttavia scendere mai in campi in massima serie.

Di lì a poco viene ceduto al Crevalcore, in terza serie, per poi chiudere la carriera con Palazzolo e Giorgione in Serie C2.

In carriera ha totalizzato complessivamente 2 presenze in Serie A e 35 in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Cessata l'attività agonistica, ha intrapreso quello di allenatore, guidando a lungo formazioni giovanili del Triveneto. Nella stagione 2014-2015 ha ricoperto ad interim per una giornata il ruolo di primo allenatore del Pordenone, militante in Lega Pro, a seguito dell'esonero di Lamberto Zauli.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Reggiana: 1988-1989
Crevalcore: 1993-1994

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FA TUTTO BAGGIO UN GOL, DUE ASSIST E UN' OVAZIONE La Repubblica, 24 agosto 1989, pag.34
  2. ^ UN' ESPULSIONE ROVINA TUTTO La Repubblica, 14 settembre 1989, pag.38
  3. ^ GALDERISI A PADOVA WAAS, TUTTO OK La Repubblica, 20 ottobre 1989, pag.36

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]